Google ha annunciato ARCore, un nuovo kit di sviluppo software che mira a portare la Realtà Aumentata su milioni di dispositivi Android esistenti e futuri. ARCore è costruito per quello che è proprio di fronte a voi. Utilizza la singola fotocamera sul retro del dispositivo per rilevare superfici piatte, e consente agli oggetti AR inseriti di esplorare l’ambiente.

Vedendo come Apple è riuscita a portare la Realtà Aumentata in modo molto semplice con il suo framework ARKit nei propri dispositivi, Google anche ha deciso di lanciare un proprio framework di software AR, semplificato, che sarà disponibile per un gran numero di dispositivi.

ARCore è la risposta di Google ad ARKit di Apple

Proprio come ARKit, ARCore  funziona su dispositivi senza sensori specializzati per la rilevazione della profondità e, in quanto tale, non è sicuramente perfetto, ma è facilmente accessibile. Attualmente è disponibile su Google Pixel e Samsung Galaxy S8, ma entro la fine di quest’anno, Google promette di avere ARCore in esecuzione su più di 100 milioni di dispositivi Android in tutto il mondo.

Ma come funziona ARCore?

ARCore è un SDK versatile che funziona con Java/OpenGL, Unity e Unreal Engine e si concentra su tre fattori per raggiungere il proprio obiettivo, quello di fornire l’esperienza di AR ad un pubblico ampio:

  • Motion tracking: Utilizzando la fotocamera del telefono per osservare punti caratteristici in camera e dati del sensore IMU, Arcore determina sia la posizione che l’orientamento (posa) del telefono che si muove. Gli oggetti virtuali rimangono accuratamente posizionati.
  • Comprensione ambientale: è comune per gli oggetti AR essere posizionati su un pavimento o su un tavolo. ARCore può rilevare superfici orizzontali utilizzando gli stessi punti di utilizzo che utilizza per il monitoraggio del movimento.
  • Stima della luce: ARCore osserva la luce nell’ambiente e consente agli sviluppatori di illuminare gli oggetti virtuali in modi che corrispondano all’ambiente, rendendo il loro aspetto ancora più realistico.

Sappiamo che questo argomento è molto interessante e sicuramente lo riprenderemo più avanti. Intanto vi lasciamo ad un video introduttivo dove sono presentate molto bene le caratteristiche di ARCore.