In un futuro davvero molto prossimo, ogni volta che vi recherete in un ristorante, non dovrete preoccuparvi di chiedere ai camerieri il menù, ma basterà utilizzare lo smartphone per vedere tutte le pietanze in un 3D veramente realistico ed estremamente dettagliato sul piatto di fronte a voi.

Questo è il futuro di ARKit di Apple, creata da Alper Guler, e nella demo video dell’app KabaQ questa tecnologia viene infatti impiegata per virtualizzare sul piatto le pietanze, che possono essere così scelte guardando direttamente il prodotto finale ancor prima di acquistarlo.

E’ impressionante: le pietanze non solo sembrano deliziose, ma i piatti ruotano per poter  dare un’occhiata da tutti i lati e farsi un’idea più che realistica circa la dimensione di una porzione. Questo, certamente, spingerà i proprietari dei ristoranti a cercare di ottenere una migliore qualità di ogni piatto, che è anche una buona cosa per i clienti.

KabaQ è già presente sull’App Store, ma ancora non utilizza ARKit

L’applicazione KabaQ è tra l’altro già disponibile sull’App Store, anche se al momento non utilizza l’ARKit di Apple: viene impiegata in alcuni ristoranti degli Stati Uniti e al momento richiede all’utente di centrare il piatto attraverso la fotocamera, ma già da Settembre il passo in avanti potrebbe essere notevole, con il riconoscimento automatico del piatto per il giusto ridimensionamento dei modelli 3D, dopo aver inserito all’interno dell’app il ristorante in cui si sta mangiando. Se volete scaricare l’app, potete farlo qui.

Noi di TecnoAndroid siamo sempre interessati a tutto quello che riguarda tecnologia e futuro, e con ARKit lasciateci dire che abbiamo trovato pane (virtuale) per i nostri denti!