WhatsApp: tutti i modi per mettere al sicuro la vostra privacy

Lo scopo della celebre applicazione che prende il nome di WhatsApp è ormai da anni chiaro a tutti. Ogni persona che scarica l’app dal proprio store di appartenenza, ha a disposizione una piattaforma per messaggiare con chiunque solo utilizzando la connessione dati.

Ovviamente ci sono poi tante altre funzioni, come ad esempio la classica chiamata o magari la più sofisticata videochiamata. Ovviamente sembra essere tutto molto bello, ma c’è sempre qualcosa che può rendere il tutto in poco tempo davvero un incubo.

WhatsApp mette a rischio la vostra privacy, ecco come difenderla

La privacy riguarda una questione molto delicata e soprattutto anche molto pericolosa. Se la vostra privacy dovesse essere violata, i rivolti potrebbero essere clamorosamente negativi.

WhatsApp non è esente da rischi, infatti molte sono le vie per accedere ai vostri dati personali e soprattutto alle vostro conversazioni. Per evitare tutto ciò ci sono alcuni metodi davvero interessanti ed allo stesso tempo molto basilari.

Il primo è stare sempre attenti a dove si lascia lo smartphone, dato che qualcuno potrebbe venirne temporaneamente in possesso leggendo le vostre conversazioni, o magari copiando il QR Code sull’app WhatsApp Web, avendo così a disposizione quando vuole le vostre chat.

Leggi anche:  WhatsApp, arriva la rivoluzione per le amatissime note vocali

In questo caso, state sempre attenti a tenere chiusa la connessione proprio all’app web. Se invece non volete che qualcuno si impossessi dei vostri dati personali, dovete semplicemente evitare di dare considerazione alle catene che vi arrivano promettendovi premi e merce gratuita.

Per evitare invece che qualcuno possa entrare nel vostro smartphone leggendo le vostre conversazioni, potete scaricare Cerberus, applicazione che permette di avere a disposizione un vero e proprio antifurto.

Ovviamente l’ipotesi che qualcuno si infiltri nel vostro smartphone, a meno che non siate personalità di spicco, è molto remota. Per cui restate tranquilli e limitatevi ai primi due consigli.