google
La lettera di Chloe è virale

Chloe Bridgewater ha solo 7 anni ed ha deciso di scrivere a Google per chiedere un posto di lavoro perché ritiene di essere molto brava a scuola. La bambina ha inviato la lettera alla sede del gigante della tecnologia dopo che suo padre, Andy Bridgewater, le aveva confessato che avrebbe voluto lavorasse a Mountain View dal momento che lei è considerata una buona compagnia e gli uffici di Big G hanno un aspetto piacevole.

E’ stato così che la piccola Chloe ha scritto la sua petizione, indirizzata al “Caro capo di Google“.

Il mio nome è Chloe e quando sarò grande mi piacerebbe lavorare a Google. Voglio anche lavorare in una fabbrica di cioccolato e nuotare alle Olimpiadi. Mio padre dice che posso sedere sui sacchi di grano e ottenere vetrini e guidare go kart in Google. Mi piace il computer e ho un tablet per giocare. […] I miei insegnanti hanno detto ai miei genitori che sono molto brava in classe e in ortografia, la lettura e le somme. Mio padre mi ha detto che se continuo così e imparo molto, un giorno potrò essere in grado di lavorare a Google”.

Andy, il padre di Chloe, ha inviato la lettera senza speranza di avere una risposta. Tuttavia, un paio di giorni dopo è arrivata la risposta da parte del CEO di Google, Sundar Pichai nella quale si congratulava con la bambina per aver imparato ad usare il computer e si aspettava la richiesta di poter lavorare quando avesse finito la scuola.

Leggi anche:  Android Oreo 8.1, arriva la prima Developer Preview

Cara Chloe, ti ringrazio molto per la tua lettera. Sono contento che ti piacciano il computer e i robot e spero continuerai con l’apprendimento di tecnologia. Penso che, se continuerai a lavorare sodo e a seguire i tuoi sogni, potrai ottenere qualsiasi cosa, dal lavorare per Google a nuotare alle Olimpiadi. Spero di ricevere la tua richiesta di lavoro quando avrai finito la scuola. Ti auguro il meglio, per te e la tua famiglia,

Sundar Pichai, CEO“.


La lettera, ovviamente, e come ogni cosa oggi, è diventata rapidamente virale e ha ottenuto un seguito notevole sull’account Twitter di Andy Bridwater. Il padre di Chloe ha confessato che sua figlia è molto motivata da questa lettera.