youtube
YouTube Connect velocizzerà lo streaming live.

YouTube sta per ampliarsi ulteriormente. Google ha deciso di implementare Connect, la piattaforma dedicata esclusivamente allo streaming di live video.

Sebbene il gigante dei video online offra già da parecchio la possibilità di fare delle dirette, pare che a Mountain View questo non basti più. La ragione è semplice: bisogna star dietro alla concorrenza e tamponare immediatamente eventuali lacune, che potrebbero essere causa di perdita di utenti.

L’arrivo di YouTube Connect è sicuramente una risposta all’ultima novità di Facebook, ovvero l’apertura della funzionalità Live a tutti gli utenti. D’ora in poi, chiunque sia iscritto sul social network potrà fare le sue dirette. Non c’è più bisogno di essere profili Official oppure Pagine molto famose.

YouTube Connect semplifica e velocizza lo streaming live

youtube
YouTube pronta a presentare Connect.

La nuova piattaforma andrà ad affiancarsi alla già esistenze possibilità di fare Live tramite YouTube Studio. Con le nuova funzionalità, ci si aspetta che le condizioni per poter trasmettere in diretta siano più flessibili e permettano quindi di raggiungere un maggior numero di utenti, più velocemente.

La trasmissione avverrà grazie ad applicativi, sicuramente disponibili per iOS ed Android, e potrà essere vista sia da dispositivi mobile che da PC. L’evento apparirà nelle bacheche degli iscritti al canale che trasmette e permetterà l’interazione attraverso commenti live. Ogni Live potrà essere salvato per permettere il replay dello stesso. Tuttavia pare che questa opzione sia attivabile dalle impostazioni, a discrezione dello youtuber stesso.

Al momento, non ci sono informazioni riguardo il lancio ufficiale di YouTube Connect, che con ogni probabilità, potrebbe arrivare prima della prossima conferenza per sviluppatori organizzata da Google (18-20 Maggio 2016). Dunque, entro un mese e mezzo dovremmo essere in grado di fruire della novità di Big G. Si spera tuttavia che la piattaforma di Live Streaming non sia inizialmente limitata solo agli Stati Uniti, come è accaduto per YouTube Gaming.