samsung
Circa un anno fa, Samsung decise di entrare nel magnifico mondo dell’Internet Of Things attraverso l’acquisto del tutto inaspettato di SmartThing, vediamo i progressi fatti dall’azienda!

Tutto era iniziato attraverso un piccolo Hub molto basilare, prestazioni abbastanza basse, una batteria ausiliaria molto limitata e rispetto alla nuova versione, pochi sensori. In un anno l’azienda coreana ha cambiato tutto, preparando una nuova versione di quell’Hub, capace di ospitare una CPU molto performante, una batteria “ausiliaria” da circa 10 ore, ma soprattutto, un numero gigantesco di sensori per comandare tutta la nostra casa.

La nuova CPU di cui è equipaggiata questo nuovo Hub, consentirà allo stesso di funzionare come un video-monitor, senza rinunciare a nessun altro tipo di servizio da esso offerto, ma non solo,grazie ad una app Android, sarà possibile controllare ogni aspetto dell’hub, avviare registrazioni video, riprodurre quelle registrate, ma anche limitare le registrazioni ai soli momenti in cui viene registrata attività, attraverso un comodo sensore di movimento, ovviamente le registrazioni saranno limitate alla sola sorveglianza di casa nostra.
Non è tutto, sembrerebbe infatti che il meglio da quest’hub sarà ottenibile connettendo lo stesso al web, permettendo quindi di controllare il nostro hub dalla distanza e avviando tutte le funzioni da esso offerte anche nel caso in cui non fossimo a casa, sarà persino possibile monitorare attraverso le telecamere varie stanze della nostra casa, ma soprattutto avviare o stoppare le varie registrazioni.
Attualmente questo hub è in vendita negli USA, entro la prossima settimana sbarcherà in UK, mentre per il resto dell’Europa sarà disponibile entro i primi mesi del 2016!

Leggi anche:  Android Oreo: la lista di tutti i Samsung Galaxy che riceveranno l'aggiornamento