migliori smartphone economici

Oggi vogliamo presentarvi la lista completa dei migliori smartphone economici a meno di 200 €. Abbiamo analizzato anche tutte le caratteristiche partendo dalla velocità alla batteria. Se siete curiosi continuate a leggere questo articolo…

Uno smartphone è come una Ferrari: sfoggiare l’ultimo modello di design attira l’attenzione di chi ci sta intorno. Ma nell’uso quotidiano, quel che conta sono soprattutto i requisiti pratici! Ogni quanto tempo è necessario ricaricare lo smartphone? È resistente alle cadute? La sua velocità consente una buona navigazione su Internet? E com’è la qualità delle foto e dei video? Abbiamo deciso di mettere sotto torchio nove dispositivi economici per verificare se anche gli smartphone “a buon mercato” siano idonei per un uso quotidiano impegnativo…

VELOCITÀ

Chi necessita di un dispositivo dalla risposta rapida e con un’elevata velocità di lavoro, non sarà soddisfatto delle prestazioni di nessun candidato al test, il trio Samsung Galaxy Ace 3, Moto G e Wiko Darkiright (con prezzi attorno ai 180 euro) riesce ad avvicinarsi solo lievemente alle prestazioni del Galaxy S4.

Modelli con prezzi attorno ai 100 euro: Huawei Ascend Y300 o Archos 40 Titanium fanno invece irritare per i lunghi tempi di risposta. La velocità di lavoro del Samsung Galaxy Star (60 euro) e dell’Asha 503 (100 euro) è addirittura indecente.

MEMORIA

È pur vero che la velocità non è tutto, ma anche la memoria di Storage deve essere adeguata! Il problema è che le app possono essere installate
solo sulla memoria interna. Tra gli smartphone fino a 120 euro (ad eccezione del Nokia Lumia 520) e con il Sony Xperia M, la memoria in dotazione, inferiore a 2 GB, si è rivelata sufficiente per gestire solo poche app e questo neo ha procurato loro una valutazione negativa. Su una scheda di memoria è invece possibile salvare foto e brani musicali, ma il Moto G non offre il relativo slot.

DISPLAY E RICEZIONE

Un prezzo basso equivale a un display economico? Sbagliato in pieno! Lo schermo da 5” del Wiko Darknight è persino più luminoso del Galaxy S4; il contrasto è più elevato e la riproduzione cromatica migliore. Solo in un aspetto il Wiko si posiziona lievemente dietro all’S4, che presenta una risoluzione di 1.920×1.080 pixel, mentre il Wiko offre una definizione di 1.280×720, sufficiente comunque per una buona riproduzione. La bassa risoluzione di 320×240 pixel e lo scarso contrasto penalizzano i modelli più economici, come il Galaxy’ Star (60 euro). Solo i dispositivi a partire da 120 euro offrono una qualità conforme agli standard attuali.

Lo smartphone serve per telefonare e, di conseguenza, deve offrire una buona ricezione. Purtroppo, negli ultimi anni questa caratteristica tende a peggiorare anche sui top di gamma.

Nel settore degli smartphone economici la situazione è un po’ migliorata, soprattutto per

NAVIGAZIONE E FOTO

Chi vuole navigare velocemente, necessita di una connessione LTE da 100 Mbps, offerta solo dal Galaxy Ace 3. Gon la rete UMTS, il Wiko Darknight ha pur sempre raggiunto i 42 Mbps, mentre la maggior parte degli altri dispositivi si è connessa alla velocità massima di 21,6 Mbps.

Il Nokia Asha 503 non è andato oltre i 7,2 Mbps; il Galaxy Star ha arrancato in Internet a soli 0,06 Mbps, in linea generale, la velocità migliora attraverso la rete WLAN. Con questa connessione, il Sony Xperia M (160 euro) si è distinto come unico smartphone in grado di supportare la veloce rete a 5 Ghz.

La concorrenza si accontenta della classica rete Wi-Fi a 2,4 GHz.

Con gli smartphone a buon mercato le foto riescono bene principalmente con luce diurna. In condizioni di scarsa luminosità, presentano un marcato rumore digitale e catturano pochi dettagli. Solo l’Archos 40 Titanium e il Wiko Darknight si sono battuti più valorosamente.

BATTERIA E SCOCCA

Chi acquista uno smartphone economico non vuole collegare continuamente il dispositivo alla presa elettrica per ricaricarlo. Lo smartphone più lento del test, il Galaxy Star, ha offerto una durata di quasi 15 ore; a ruota segue l’Huawei Ascend Y300 (90 euro) con 14 ore;

11 ore per Nokia Lumia 520, Sony, Wiko e Motorola: una durata ancora accettabile. Ad eccezione di Archos, nessuna delle scocche è resistente ai graffi, ma hanno superato il test di caduta senza riportare danni permanenti, anche se la batteria è uscita dall’alloggiamento.

Leggi anche:  Android: 5 applicazioni da disinstallare subito dal vostro telefono

CONCLUSIONI

Economico non significa scadente! 11 vincitore del test, Galaxy Ace 3 (circa 180 euro), è un vero “tuttofare”, indicato per coloro che amano navigare velocemente (connessione LTE). Non consente però foto straordinarie o giochi complessi in 3D. Chi può spendere solo 120 euro o meno, dovrà accettare forti limitazioni: il migliore in questa fascia di prezzo è il Nokia Lumia 520.

Lista migliori smartphone economici a meno di 200 € [2014]

WIKO DARKNIGHT

Con elegante case in metallo, veloce da usare e Dual SIM: Wiko ha veramente qualcosa da offrire! L’ampio schermo da 720p può competere addirittura con smartphone di fascia alta. È estremamente luminoso, ricco di contrasto e riproduce i colori in modo molto naturale. Consente di navigare velocemente su Internet. Solo la memoria interna, poco capiente, penalizza il quadro generale.

SAMSUNG GALAXY ACE 3 LTE

Un dispositivo concorrente, realizzato dallo stesso produttore, può a volte addirittura rivelarsi migliore dell’S4: display più luminoso, batteria con autonomia più lunga, migliore qualità di trasmissione e ricezione. Occorre tuttavia precisare che la risoluzione del display è più bassa, l’audio è più scadente e la qualità della fotocamera è solo mediocre. Analogamente al Galaxy S4, anche ACE 3, unico dispositivo tra quelli testati, supporta la connessione LTE, che consente di collegarsi velocemente a Internet.

MOTOROLA MOTO G (8 GB)

Grazie a una buona qualità di ricezione, una buona usabilità e un case dalle linee sobrie, il Motorola è un tuttofare per l’utilizzo quotidiano. Convincente anche il luminoso display, ricco di contrasto e con risoluzione elevata. Peccato che la qualità della fotocamera sia un po’ scadente e la scarsa memoria interna di 5 GB, non sia ampliabile con scheda SD. Aggiungendo 30 euro è comunque possibile ottenere il modello con memoria da 16 GB.

SONY XPERIA M

L’Xperia M si rivela un po’ lento da usare, ma discretamente rapido per navigare su Internet. Supporta la connessione della rete WLAN a 5 GHz. Si rivelano buoni anche il luminoso display e le app di Sony. Per l’uso di tutti i giorni, la batteria dura soltanto 11 ore. L’installazione di poche app esaurisce subito la memoria.

NOKIA LUMIA 520

Il Lumia 520 consente di navigare comodamente su Internet, ma rispetto al Galaxy S4 offre una ricezione migliore. È inoltre attraente per un paio di simpatiche funzioni extra, consentite da valide app di Nokia per l’elaborazione delle foto e la riproduzione della musica. È l’unico smartphone testato che è già preimpostato dal produttore per la navigazione GPS gratuita offlline. Il display è, però, abbastanza scuro.

ARCHOS 40 TITANIUM

Con l’Archos da 100 euro è possibile navigare velocemente su Internet, per il resto tutte le altre prestazioni sono solo discrete: display mediocre, abbastanza scuro, fotocamera accettabile e qualità vocale buona. Consente di filmare solo con risoluzione 640×480 pixel; la memoria interna è di soli 1,2 GB. Anche con auricolari di qualità, l’audio non è sconvolgente. Super: display e scocca sono antigraffio.

HUAWEI ASCEND Y300

Tenuto conto del prezzo, questo dispositivo è una gradita sorpresa: velocità navigazione rispettabile, batteria da 14 ore, qualità della ricezione buona. Tuttavia, il display non è molto luminoso e produce forti riflessi, gli auricolari non sono inclusi e, anche indossando una cuffia di qualità, la musica non è un piacere.

NOKIA ASHA 503

Non è minimamente paragonabile ai migliori device del nostro test. Asha consente di navigare in Internet in modo lentissimo, dispone di una memoria integrata di soli 0,1 Gigabyte e non offre la funzione del navigatore. Durante il test il collegamento con l’app store è saltato più volte. Non è possibile eliminare dall’elenco delle app i link per accedere ai giochi a pagamento. I servizi di geolocalizzazione forniscono rapidamente utili informazioni sui luoghi importanti delle vicinanze.

SAMSUNG GALAXY STAR S5280

La navigazione in mobilità è possibile solo tramite la lenta connessione EDGE e non via UMTS, i video vengono girati con risoluzione minima e le foto sono di pessima qualità. È lento nella risposta e delude su tutto il fronte. Anche come telefono non è il massimo: la qualità della ricezione è stata la peggiore del test. È meglio non avvicinarsi a questo semplice “pezzo di plastica” !