lamborghini
Fonte immagine: carbuzz.com

I fotografi spia di CarBuzz hanno ripreso lo sviluppo del successore della Lamborghini Aventador, e non solo la supercar mostra un po’ più di pelle, ma sono anche riusciti a dare un’occhiata all’interno dell’abitacolo.

La casa automobilistica italiana ha già migliaia di preordini per la supercar ibrida V12 ancora senza nome, nonostante il suo design finale sia stato rivelato a pochissime persone al di fuori dell’azienda.

In alcune immagini, ci è stata data una visione molto migliore dei fari e delle luci posteriori, ma non è tutto.

Cominciamo dalla parte anteriore. Possiamo vedere che le prese d’aria laterali inferiori sulla fascia anteriore saranno ancora più aggressive e spigolose di prima, grazie alla luce di marcia diurna a LED su ciascun lato. Al di sopra dei fari diurni, i fari triangolari affilati fanno capolino da sotto la carrozzeria, mentre gli sbalzi del paraurti anteriore incorporeranno ulteriori elementi aerodinamici che Lamborghini non vuole ancora farci vedere.

lamborghini 2
fonte immagine. carbuzz.com

Novità anche per l’infotainment

Lamborghini chiaramente non si annoia: infatti ha voluto posizionare le uscite di scarico tra i fanali posteriori e, per la prima volta, possiamo vedere le finiture che circondano i quattro tubi alimentati dal nuovo motore V12 ibrido.

Ciò è confermato dalla designazione V12 al centro della strumentazione digitale, a cui è staa data una prima occhiata grazie agli dell’abitacolo della supercar. Questi mostrano un volante a fondo piatto davanti a un quadro strumenti completamente digitali. La linea rossa è di circa 8.500 giri/min e possiamo vedere la conferma di uno spoiler posteriore attivo. Presente anche un grande schermo nella console centrale.

Il successore dell’Aventador sarà presentato alla fine del primo trimestre del 2023, dando a Lamborghini un po’ di tempo per riorganizzarsi dopo aver completato la produzione dell’ultima vettura V12 ibrida che ha realizzato.

FONTEcarbuzz
Articolo precedenteIl WiFi 7 è più vicino di quanto pensiamo, ecco cosa potrebbe essere capace di fare
Articolo successivoIl Regno Unito voleva usare i polli e le galline per far detonare le bombe atomiche
Simone Paciocco
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it