26 milioni di posti di lavoro grazie al passaggio all’energia pulita

Circa 18 milioni di persone attualmente lavorano nel settore energetico in tutto il mondo, un numero che potrebbe aumentare fino a 26 milioni entro il 2050, secondo nuovi calcoli.

I risultati contrastano con l’argomento, spesso avanzato dagli interessi dei combustibili fossili e dai politici che li sostengono, che la decarbonizzazione è un killer di posti di lavoro.

Certo, è vero che il passaggio dai combustibili fossili si tradurrà in un aumento dei licenziamenti. Ma nella maggior parte delle regioni del mondo, i nuovi posti di lavoro nelle energie rinnovabili compenseranno ampiamente queste perdite, riferiscono i ricercatori sulla rivista One Earth.

La decarbonizzazione porterà probabilmente a un aumento dell’occupazione nel settore energetico, con la produzione e l’installazione di fonti di energia rinnovabile che potrebbero diventare circa un terzo dei posti di lavoro totali“, afferma Johannes Emmerling, economista ambientale presso il team di studio l’Istituto Europeo di Economia e Ambiente in Italia.

Emmerling e i suoi colleghi hanno assemblato un set di dati su 5 tipi di lavori (costruzione e installazione, operazioni e manutenzione, produzione, produzione di carburante e raffinazione) in 11 sottosettori energetici (carbone, gas, petrolio, nucleare, idroelettrico, solare fotovoltaico, energia solare concentrata , biocarburanti, eolico onshore, eolico offshore e biomassa solida).

Un aumento progressivo in tutto il mondo

I loro dati coprono 50 paesi in tutto il mondo, comprese importanti aree produttrici di combustibili fossili che non sono state ben rappresentate in studi passati come Cina, India, Canada, Russia, Sud Africa, Australia, Brasile e Medio Oriente.

Per ogni tipo di lavoro in ogni paese, hanno calcolato “l’impronta di lavoro“, che significa il numero di posti di lavoro per unità di elettricità o carburante prodotto. Questo può variare molto da paese a paese: ci vogliono 725 lavoratori per scavare un milione di tonnellate di carbone in India, ma solo 73 negli Stati Uniti, per esempio.

Hanno quindi utilizzato un modello computerizzato per prevedere il numero di posti di lavoro nel settore energetico in diverse regioni in vari scenari futuri.

L’azione per il clima per raggiungere l’accordo di Parigi per mantenere il riscaldamento globale ben al di sotto dei 2 °C potrebbe portare a un aumento netto di 8 milioni di posti di lavoro nel settore energetico in tutto il mondo, hanno scoperto i ricercatori.

FONTEanthropocenemagazine
Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it