pannelli solari galleggianti

I pannelli solari galleggianti, noti anche come pannelli fotovoltaici galleggianti (FPV), utilizzano un montaggio progettato specificamente per galleggiare su specchi d’acqua calmi e stagnanti.

A differenza delle tradizionali installazioni, le installazioni FPV possono essere posizionate direttamente su laghi o bacini idrici invece di essere fissate su tetti o supporti a terra.

I pannelli galleggianti non sono ancora completamente utilizzati, ce ne sono solo alcuni in funzione. A livello globale, offrono più opportunità per la generazione di energia solare in luoghi specifici.

Sebbene i pannelli solari tradizionali siano in uso da decenni, il primo pannello solare galleggiante è stato installato in Giappone nel 2007. Poiché la tecnologia è abbastanza nuova, i vantaggi economici del solare galleggiante sono difficili da calcolare.

Una soluzione che potrebbe convenire a tutti

Sorprendentemente, i pannelli solari costruiti per essere utilizzati a terra possono essere utilizzati anche le strutture galleggianti. Possono infatti essere posizionati su boe di plastica cave progettate per resistere a condizioni meteorologiche estreme. I cavi aiutano ad ancorare i pannelli in posizione e forniscono energia solare a terra per essere convertita in elettricità dove è necessario.

In realtà, la più grande differenza tra i pannelli solari tradizionali e i pannelli galleggianti è il modo in cui sono tenuti insieme. I pannelli tradizionali utilizzano le scaffalature per essere fissati ai tetti o al suolo, mentre i pannelli solari galleggianti sono fissati in posizione sopra l’acqua.

Questa è una grande opportunità per gli impianti di trattamento delle acque in tutto il paese. Se mettere pannelli solari sull’acqua che è già presente non ha effetti negativi sul processo di pulizia e sull’utilizzo di quell’acqua per la città, è una situazione vantaggiosa per tutti.

FONTEsolarreviews.com
Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it