apple-funzionalita-stage-manager-potrebbe-essere-limitata-ipad

Man mano che emergono altre interviste con il direttore dell’ingegneria del software di Apple Craig Federighi, apprendiamo di più sul ragionamento di Apple per limitare la nuova funzionalità Stage Manager di iPadOS agli iPad dotati del processore M1.

L’intervista più recente è stata rilasciata dal collaboratore di Forbes David Phelan, che ha interrogato Federighi; è stato chiesto se Apple avesse provato a far funzionare Stage Manager con dispositivi iPad che non avevano il processore M1. Federighi ha affermato che Apple ha intrapreso alcuni primi test della capacità su altri iPad, ma che Apple non è stata soddisfatta dell’esperienza fornita su quei dispositivi.

Apple ha testato la funzionalità su altri device

Abbiamo iniziato parte della nostra prototipazione utilizzando quelle piattaforme ed è diventato subito chiaro che non potevamo ottenere la stessa esperienza che stavamo progettando con loro”, ha spiegato. “Ci piacerebbe offrire qualsiasi nuova esperienza su ogni dispositivo possibile, ma non vogliamo nemmeno limitare il significato di una nuova esperienza non gettando le migliori basi per il futuro in quell’esperienza. E possiamo riuscirci progettando su M1.”

Federighi ha dichiarato all’inizio di questa settimana in un’intervista con Matthew Panzarino di TechCrunch che le prestazioni del chip M1 assicurano che tutte le app utilizzate in Stage Manager siano “istantaneamente reattive”, come i clienti si aspettano da un’interfaccia touch.

Secondo una dichiarazione rilasciata da Apple la scorsa settimana e fornita da Rene Ritchie, Stage Manager “ha bisogno di un’enorme memoria interna, di uno spazio di archiviazione altamente veloce e di un I/O esterno flessibile, il tutto fornito da iPad con il chip M1″.

L’iPad Pro M1 ha fino a 16 GB di RAM e una porta Thunderbolt, mentre l’iPad Pro di generazione precedente ha 6 GB di RAM e una porta USB-C. Inoltre, M1 iPad Pro ha uno spazio di archiviazione fino a 2 volte più veloce e prestazioni della GPU fino al 40% più veloci rispetto al modello precedente. Il chip M1 si trova anche nell’iPad Air di quinta generazione, ma non nell’iPad mini, nell’iPad entry-level o nelle versioni precedenti di iPad Pro.

Avatar
Appassionato di tecnologia e videogiochi. Sono uno studente di Ingegneria informatica a tempo pieno, ma ho anche altri difetti.