L’Unione Europea vuole che ogni dispositivo abbia le batterie rimovibili entro il 2024

All’epoca, quasi tutto ciò che utilizzava una batteria aveva uno sportello che potevi aprire per rimuoverla e sostituirla se necessario. Che si trattasse di una radio, di un telefono cordless o di un cellulare, era facile sostituire la batteria.

Molti dispositivi in ​​questi giorni nascondono le batterie, in profondità sotto adesivi a prova di manomissione e avvertenze. L’UE vuole cambiare tutto questo, tuttavia, e ha votato per richiedere che tutto, dai telefoni cellulari alle e-bike, abbia batterie facilmente sostituibili, con la normativa che entrerà in vigore già nel 2024.

Molte batterie del telefono sono progettate per non essere sostituibili in fabbrica. Quindi, quando si gonfiano o si guastano, possono danneggiare l’intero telefono anziché semplicemente far scoppiare un pannello rimovibile.

Una volta, la maggior parte delle batterie di uso comune erano oggetti monouso che non potevano essere ricaricati e dovevano essere gettati via dopo l’uso.

Invece adesso molti dei nostri dispositivi, e in particolare i nostri telefoni, si basano su batterie al litio ricaricabili. Dal momento che sono ricaricabili, i produttori hanno deciso che non era più necessario sostituirli e hanno iniziato a sigillarli all’interno dei dispositivi.

Alcuni affermano che si tratta di fornire al cliente un’esperienza utente più pulita, mentre altri citano i vantaggi dell’imballaggio e della miniaturizzazione di un dispositivo con una batteria installata in modo permanente. Inoltre, rende più facile impermeabilizzare un prodotto, una caratteristica che è stata una sfida di progettazione particolarmente difficile nel mercato degli smartphone.

Il progetto dell’UE entro il 2024

Tuttavia, tali progetti hanno lo svantaggio che se la batteria si guasta, il dispositivo diventa inutile e spesso viene buttato via. Sebbene si possano eseguire piccoli interventi sugli smartphone moderni, è un processo irto di pericoli per gli inesperti e può portare al danneggiamento o alla distruzione del dispositivo stesso.

Entro il 1 gennaio 2024, questi dispositivi devono essere progettati in modo che le batterie possano essere rimosse e sostituite in sicurezza utilizzando “strumenti di base e comunemente disponibili” e “senza danneggiare il dispositivo o le batterie“. I produttori devono inoltre fornire la documentazione per la procedura di rimozione e sostituzione. Questa documentazione deve essere fornita anche online per tutta la vita prevista di un prodotto.

È una misura che potrebbe cambiare radicalmente la progettazione di tutti i tipi di tecnologie per il mercato dell’UE. Al giorno d’oggi tutti i tipi di dispositivi utilizzano batterie integrate e nascoste, dagli smartphone di fascia alta alle action cam e ai rasoi elettrici. Tutti questi prodotti dovrebbero essere riprogettati per consentire una facile rimozione e sostituzione delle batterie.

FONTE10-raisons.fr
Avatar
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it