Sony ha introdotto le LinkBuds S, con un design di auricolari wireless completamente diverso dai LinkBuds. L’azienda afferma che il suo pubblico di destinazione è lo stesso delle LinkBud, ovvero coloro a cui piace trascorrere le proprie giornate connessi al proprio mondo digitale e reale, spostandosi senza soluzione di continuità tra di loro. “Sempre acceso, mai spento”, è lo slogan della famiglia LinkBuds.

Design e materiali:

Prendendo spunto dai suoi fratelli, le Sony WF-C500 e le WF-1000XM4, le LinkBuds S sono più piccole di entrambi i modelli, con una finitura opaca e sobria in nero (tecnicamente un nero/grigio bicolore), bianco o un colore sabbia esclusivo Best Buy chiamato ecru. Questa trama opaca, che adorna anche la custodia di ricarica, rende le cime delle cuffiette facili da impugnare, ma non è così ruvida da essere scomoda.

Sono molto piccole, sono uno dei pochi modelli di auricolari wireless che si possono indossare anche sotto un casco da motociclista, perché sporgono a malapena dalle orecchie. Come la il  modello precedente, l’intera superficie esterna funge da comandi touch, mentre un piccolo parabrezza circolare nasconde i microfoni LinkBuds S.

Anche la custodia di ricarica è molto compatta e anche se non abbiamo cercato intenzionalmente di danneggiarla, pensiamo che la finitura strutturata resisterà bene all’inevitabile collisione con chiavi e altri oggetti in tasca o in borsa. Il coperchio e la cerniera funzionano senza intoppi, senza la flaccidità di cui a volte soffrono le unità più economiche e la chiusura magnetica ha la giusta quantità di trazione.

Una sottile striscia LED lungo la parte anteriore vi consente di conoscere lo stato di carica. L’unica cosa che manca qui è la ricarica wireless: una sorpresa dato che la maggior parte delle custodie di ricarica a questo prezzo ora hanno questa funzione.

Come con tutta l’attuale generazione di auricolari wireless di Sony, le LinkBuds S hanno una classificazione IPX4 per la resistenza all’acqua e al sudore, quindi non dovrebbero avere problemi con una corsa o un allenamento in palestra fintanto che le pulite in seguito.

Controlli e connessioni:

I controlli touch di Sony sono molto buoni e forniscono un tono utile per farvi sapere quando avete toccato con successo. Farlo è relativamente facile, ma la metà superiore della superficie esterna è molto più sensibile ai colpi. Toccare la parte inferiore funzionava raramente.

LinkBuds S vi offre gesti di tocco singolo, doppio e triplo con cui lavorare, oltre a toccare e tenere premuto. Tra i due auricolari, ci sono un totale di otto azioni possibili, ma Sony continua a utilizzare uno schema di personalizzazione dei controlli che ti impedisce di selezionare le funzioni specifiche che desideri. Invece, dovete scegliere uno dei quattro “gruppi” di controllo e potete assegnare un solo gruppo a ciascun auricolare. Le vostre scelte sono: controllo del suono ambientale/accesso rapido, controllo della riproduzione, controllo del volume o nessuna azione.

Puoi rimuovere un auricolare in qualsiasi momento e i sensori di usura metteranno automaticamente in pausa i tuoi brani. Funziona molto rapidamente, ma puoi disabilitarlo nell’app se lo desideri.

Grazie al supporto per Google Fast Pair e Microsoft Swift Pair, collegare le LinkBuds S è facile e veloce e il collegamento si è dimostrato molto affidabile per tutto il tempo in cui li abbiamo testati, anche con il codec LDAC abilitato, cosa che può influire sulla stabilità della connessione. Anche configurarli su iOS, sebbene non altrettanto conveniente, è stato semplice.

 

Tuttavia, vale la pena notare che, come gli altri auricolari wireless di Sony, le LinkBuds S non supportano Bluetooth Multipoint per le connessioni simultanee dei dispositivi, anche quando LDAC non è in uso. Data la filosofia di Sony per le LinkBud di “sempre acceso/mai spento”, questa è un’omissione particolarmente strana. Un’altra limitazione: potete utilizzare l’auricolare destro da solo per la musica o le chiamate, ma se scegliete di utilizzare funzionalità avanzate come Spotify Tap, l’auricolare sinistro non sarà in grado di funzionare in modo indipendente.

Qualità del suono:

Sony ha trovato una formula sonora molto piacevole per le LinkBuds S. Senza avvicinarsi alle regolazioni dell’equalizzazione incluse nell’app Cuffie, l’accordatura di fabbrica è molto vicina al neutro, con un buon bilanciamento delle frequenze e una gamma media più dettagliata di quello che ci aspettavamo. Ed è riuscito a farlo utilizzando driver dinamici di soli 5 mm, la metà di quelli che troverai in prodotti simili.

La chiarezza su tutto lo spettro è buona, ma gli alti non suonano così nitidi come quelli che potete trovare su altri competitor. Anche in questo caso, un’oculata modifica dell’equalizzazione può aiutare la voce a salire un po’ di più. Il palcoscenico sonoro, sebbene non particolarmente ampio o profondo, è preciso e c’è una buona separazione degli strumenti.

La mia unica delusione riguarda il codec LDAC, quell’ingrediente speciale che consente a Sony di rivendicare la compatibilità audio ad alta risoluzione wireless per LinkBuds S. Facendo confronti A/B tra le stesse versioni lossless a 24 bit di brani su Amazon Music, su iPhone 11 utilizzando AAC, con DSEE Extreme attivato e su uno Xiaomi 12 Pro utilizzando LDAC, la differenza era così piccola che non siamo nemmeno sicuri di poter affermare di averlo sentito.

Cancellazione del rumore:

La cancellazione attiva del rumore (ANC) è uno dei principali punti di forza di Sony nel mondo dell’audio personale e le LinkBuds S fanno un ottimo lavoro nel mostrare questa competenza. Seduto nel mio ufficio, che purtroppo si trova proprio accanto a un bagno, mi alzo continuamente dalla sedia per spegnere la rumorosa ventola dell’aspiratore. Con LinkBuds S, non è necessario. In effetti, non posso nemmeno dire che la ventola sia in funzione.

Le stesse prestazioni terranno a bada i rumori del traffico e sarete persino in grado di superare macchinari pesanti senza raggiungere le impostazioni del volume. Il rumore del vento non si sentiva nemmeno quando eravamo fuori una mattina ventosa. E sotto il casco da motociclista, ha ridotto molto il vento e il rumore del motore fino a un basso rombo. È il miglior ANC che troverai a questo prezzo in un set di auricolari wireless.

 

Anche la trasparenza sonora è eccellente. Non proprio il livello di trasparenza “invisibile” che otterrai da AirPods Pro, ma penso che sia buono quanto le WF-1000XM4. Ma ciò che rende la modalità trasparenza su LinkBuds S così speciale, è l’incredibile livello di controllo che ottenete, grazie alle impostazioni aggiuntive nell’app Cuffie.

Speak-to-chat, che Sony ha clonato dalle WF-1000XM4, utilizza sensori per rilevare quando stai parlando e attiva automaticamente la modalità trasparenza disattivando contemporaneamente l’audio. È una grande comodità, soprattutto quando hai le mani occupate, e funziona davvero bene.

Potete anche utilizzare la funzione di attenzione rapida toccando e tenendo premuto qualsiasi auricolare che avete assegnato alle funzioni ANC. Sony lo ha adattato dalle sue cuffie wireless, ma non reagisce molto rapidamente sulle LinkBuds S.

Qualità audio in chiamata:

Le LinkBuds S funzionano bene in condizioni relativamente silenziose, ma come la maggior parte degli auricolari wireless, possono diventare un po’ irregolari quando i rumori di fondo aumentano. Non che i vostri chiamanti sentiranno molto di quel disturbo. Per loro, l’unico segno che vi trovate in una posizione rumorosa sarà l’oscillazione e la compressione che si verificano alla tua voce.

Curiosamente, le LinkBuds originali hanno una qualità delle chiamate leggermente più chiara, probabilmente perché i loro processori e microfoni non devono svolgere il doppio compito di fornire ANC ed ENC (la cancellazione del rumore eseguita durante una chiamata) contemporaneamente.

Batteria e autonomia:

Stranamente, per un set di auricolari che pretendono di essere un compagno per tutto il giorno, sempre acceso e mai spento, le LinkBuds S hanno solo una durata della batteria media. Sony afferma che avrete sei ore per carica con ANC attivato e nove ore quando sia ANC che trasparenza sono disattivati. Con ANC attivo, otterete 20 ore in totale includendo la custodia di ricarica. Questo è sicuramente sufficiente per un’intera giornata, ma non molto di più.

Ma attenzione, quei numeri possono diminuire notevolmente quando si utilizzano alcune delle funzionalità extra. Ad esempio, abbiamo scoperto che hanno avuto solo circa 3,5 ore di autonomia con ANC, speak-to-chat e Alexa con l’attivazione vocale abilitata. Ma questo era con un iPhone che utilizzava AAC e DSEE Extreme. Se avessimo utilizzato LDAC oltre a queste altre funzionalità, probabilmente l’autonomia sarebbe stata più vicino a 2,5 ore o meno.

Una ricarica rapida di cinque minuti vi darà un’ora in più di tempo di utilizzo se ne avete bisogno.

Conclusioni e prezzo:

Le Sony LinkBuds S, sono probabilmente le migliori ANC che trovate a questo prezzo in un set di auricolari wireless. Su questa fascia di prezzo la concorrenza reale non è molta, quindi è posibile vedere un altro paio di prodotti per avere una visione più completa sull’acquisto.

Prezzo di circa 200 euro per acquistare le nuove Sony LinkBuds S, prezzo un pochino alto, ma perfettamente in linea con quelle che sono le caratteristiche di questo prodotto.

Sony LinkBuds S

199,99
8.3

Design e materiali

8.0/10

Qualità audio

8.5/10

Cancellazione del rumore

9.5/10

Autonomia

8.0/10

Prezzo

7.5/10

Pro

  • Ottimo sistema ANC
  • Bel design e materiali

Contro

  • No ricarica wireless
Stefano Germinal
3D artist e videomaker grande amante del cinema e della tecnologia. Predilige i film fantasy, sci-fi, horror e d'animazione. Ha un cuore nerd, mai togliergli i suoi anime e le serate in fumetteria il mercoledì sera.