pfizer-scoperta-meno-efficace-variante-delta

La vaccinazione con Pfizer sarà al centro dell’attenzione da qui alla fine dell’inverno. I cittadini italiani, infatti, proprio in queste settimane saranno chiamati ad effettuare la cosiddetta dose booster, dopo aver completato il primo ciclo di vaccinazione. La discussione su Pfizer da alcuni giorni si concentra anche sulla possibilità di obbligo vaccinale in Europa al fine di evitare una nuova ondata di Covid.

 

Pfizer, la terza dose e l’obbligo di vaccino in Europa

La possibilità di obbligo di vaccinazione è già stata avanzata in alcuni paesi europei come Austria e Germania, in seguito ad un grande aumento dei contagi. Queste nazioni stanno pensando a soluzioni drastiche per evitare una nuova emergenza sanitaria mei reparti ospedalieri.

In Italia, al netto dei fautori dell’obbligo vaccinale, la via seguita continuerà ad essere quella del Super Green pass. Dallo scorso 6 Dicembre, i luoghi e gli spazi del tempo libero saranno accessibili solo a coloro che hanno completato il loro ciclo di vaccinazione o a coloro che sono guariti dal Covid negli ultimi sei mesi,

Con il varo del Super Green Pass in Italia è partita anche la campagna per le terze dosi di Pfizer. La dose booster del vaccino sarà fondamentale per contrastare tanto la variante Delta quanto la nuova temuta variante Omicron. Le operazioni In tal senso continueranno per tutto il mese di Dicembre ed anche a Gennaio. A partire dal 16 Dicembre inoltre il vaccino Pfizer sarà distribuito anche ai bambini con età compresa tra i 5 ed i 12 anni. Per loro però sarà prevista solo 1/3 di dose come stabilito dall’EMA.