bitcoin, Bitcoin, phishing, email, truffa, euro, dollariSatoshi Nakamoto, lo pseudonimo del creatore del bitcoin, è ora la quindicesima persona più ricca al mondo dopo il recente aumento dei prezzi della criptovaluta.

Si stima che il patrimonio netto di Nakamoto raggiunga i 73 miliardi di dollari. Il prezzo del bitcoin ha raggiunto un nuovo massimo storico all’inizio di questo mese sopra i 68.000 dollari a seguito di un aumento di oltre il 300 per cento nell’ultimo anno. Un importante analista ha previsto che potrebbe superare i 100.000 dollari prima della fine dell’anno, il che vedrebbe Nakamoto salire tra le prime 10 persone più ricche al mondo, con un patrimonio netto alla pari dell’investitore Warren Buffett.

Nakamoto ha descritto la sua visione sulle valute digitali peer-to-peer nel 2008, prima di lanciare il bitcoin pochi mesi dopo, nel gennaio 2009. Dopo aver collaborato con altri sviluppatori al progetto per quasi due anni, Nakamoto si è ritirato e non è più stato attivo online per oltre un decennio. Anche diversi portafogli bitcoin che si ritiene appartengano a Nakamoto al momento sono ancora intatti. Il valore del loro contenuto aumenta costantemente.

L’identità del creatore del bitcoin rimane un mistero ma al momento è tra le quindici persone più ricche al mondo

Il mistero che circonda la vera identità di Nakamoto rimane irrisolto, sebbene le prove circostanziali indichino diversi potenziali candidati. Il primo pioniere delle criptovalute Hal Finney è stata la prima persona a ricevere bitcoin attraverso una transazione online. Sono stati fatti numerosi tentativi per collegare la sua attività online a quella di Nakamoto. Ha negato di essere il creatore della criptovaluta e si è rifiutato di speculare su chi potesse essere fino alla sua morte per SLA nell’agosto 2014.

Un articolo di Newsweek di alto profilo nel marzo 2014 affermava di aver “smascherato” l’inventore del bitcoin, sostenendo che dietro ci fosse lo scienziato Dorian Satoshi Nakamoto. L’articolo è stato ampiamente smentito dopo la sua pubblicazione. Nello stesso anno, un libro dell’autore Dominic Frisby ha individuato Nick Szabo come il creatore del bitcoin. Szabo ha negato le affermazioni, twittando: “Non sono Satoshi, ma grazie”.

Nel 2015, il programmatore australiano Craig Wright ha affermato di essere Satoshi Nakamoto, ma è stato accolto con scetticismo da figure di spicco del settore. Pochi giorni dopo essersi autoproclamato l’inventore del bitcoin, il signor Wright ha ritirato quanto detto e ha pubblicato delle scuse sul suo sito web. “Credevo di potermi mettere alle spalle gli anni di anonimato”, ha spiegato. “Mentre mi accingevo a pubblicare la prova di chi sono non ne potevo più. Non ho il coraggio. Non posso.” Da allora Wright è stato citato in giudizio dopo la morte di David Keiman, la cui famiglia afferma abbia lavorato con Wright per utilizzare congiuntamente lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto nel 2008.