L’ente nazionale che in Italia va sicuramente per la maggiore è senza alcun dubbio Poste italiane, l’ente vestito di giallo infatti ha conquistato una clientela a dir poco assoluta grazie al proprio pool di servizi offerti a un prezzo di gestione davvero competitivo, fattore che ha fortemente contribuito ad elevarne la popolarità.

Ma non è tutto oro ciò che luccica, l’enorme popolarità di Poste italiane l’ha anche resa involontariamente protagonista di numerose truffe a suo nome, indebitamente sfruttato per portare avanti campagne di phishing e attirare l’attenzione e la fiducia degli utenti, i truffatori infatti puntano a Poste dal momento che l’enorme mole di clienti garantisce una maggiore probabilità di successo.

Le truffe nella maggior parte dei casi prendono forma in mail o SMS di phishing scritte appositamente per indurre con l’inganno gli utenti a consegnare le proprie credenziali di accesso, con esiti ovviamente negativi per il loro conto Bancoposta o per la loro Postepay.

 

SMS di phishing Poste Italiane

In questo caso l’attacco phishing che sta colpendo gli utenti di Poste Italiane prende forma in un SMS spacciato indebitamente per una comunicazione ufficiale che avvisa l’utente di un’anomalia sul proprio conto, da verificare presso un apposito link inserito poco più in basso.

Inutile stare a dire che quel link è la pagina di phishing dove le vostre credenziali verrebbero rubate non appena digitate, esso rimanda infatti ad una falsa area clienti di Poste Italiane scritta dai truffatori stessi per indurvi con l’inganno a tentare l’accesso, in modo da svuotare tutti i vostri conti.