spotify

Per quanto riguarda il panorama delle piattaforme per lo streaming musicale, Spotify è sicuramente una delle app più usate da tutti e le novità che sta implementando nell’ultimo periodo sono davvero tante. Infatti, la società che risiede in Svezia, ha deciso di fare alcune modifiche delle sue app per andare a modificare l’esperienza.

Spotify, inoltre, è stata anche particolarmente attenta all’esperienza d’uso dell’app anche su auto, e di fatti si è impegnata molto sul sistema di infotainment Android Auto. Anche perché, c’è da dire che Spotify è stata una delle prime app ad implementare il sistema di Google, con un’interfaccia mista tra griglia e lista di elementi e la sessione di gruppo su Android Automotive.

 

Android Auto e Spotify: gli ultimi aggiornamenti sul sistema di Google

Un aggiornamento fatto di recente dell’app Android ha messo a disposizione una possibilità che era mancata a chi usava Spotify su Android Auto. Andando più nello specifico, questa novità consente di aprire le playlist senza che esse vengano riprodotte in automatico, ma dando la possibilità all’utente di avviare una riproduzione casuale o di un brano specifico.

È sicuramente una funzione non proprio articolata, ma comunque non era presente prima su Android Auto. Infatti, prima, non c’era la possibilità di riprodurre in maniera casuale subito una playlist. Per farlo di fatti c’era bisogno di un procedimento più noioso, ossia che occorreva sfogliare la lista della coda di esecuzione e ciò stava a significare di avere una lista non completa che non aveva un caricamento rapido.

Infine, c’è la novità che riguarda Car Thing by Spotify, ossia un dispositivo che consente agli utenti Premium di beneficiare di uno smart display con touch, voce o controlli fisici senza speaker integrato. Una specie di comparto che si va ad interfacciare mediate Bluetooth, jack audio o USB al sistema di bordo predefinito al fine di offrire una piattaforma d’azione che si separa dall’ecosistema di Android Auto.