Covid-19, Coronavirus, contagi, diffusione, parole, italiano

L’emergenza Covid in Italia non tende a frenare il suo corso ed è per questo che ogni settimana viene costantemente monitorato l’indice di contagio.

Purtroppo rimane ancora stabile a 1,16 e la nuova ordinanza del ministro Speranza, i vigore da lunedì 22 marzo, ha cambiato nuovamente la mappatura delle regioni. Ecco tutto quello che c’è da sapere e come comportarsi.

 

Covid in Italia, RT ancora stabile: ecco le regioni che cambiano colore

La gioia della Sardegna, in zona bianca fino all’altro ieri, è durata poco. La lenta risalita dei casi ha costretto Speranza a farla passare in arancione. Il Molise, invece, passerà da rosso a arancione.

Rimangono del medesimo colore Basilicata, Abruzzo, Calabria, PA Bolzano, Sicilia, Toscana, Umbria, Valle D’Aosta e Liguria.

Si ipotizzava un passaggio in arancione per la Campania, ma la regione partenopea rimarrà in rossa. Stessa sorte per Lombardia, dove i casi continuano a essere elevati, Piemonte, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Marche, PA Trento, Puglia e Veneto.

Prudenza e rispetto delle regole continuano dunque a essere le raccomandazioni principali per combattere il virus. Gli esperti hanno ipotizzato che il picco di casi dovrebbe raggiungersi in questi giorni per poi assistere a una decrescita.

Nel frattempo sono ripartite le vaccinazioni, in primis quelle legate ad Astrazeneca, sospeso per via precauzionale. Toccherà quindi aspettare ancora molto per raggiungere la tanto agognata immunità di gregge e tornare a respirare una parvenza di normalità.

Per ottenerla è infatti necessario che almeno l’80% della popolazione decida di vaccinarsi. A partire dalla stagione estiva, la campagna vaccinale sarà estesa anche ai maggiorenni.