blank

L’edizione di Sanremo che va in onda in questi giorni riporta ascolti inferiori al record dello scorso anno ma, come osservato dai principali analisti di mercato e dal popolare blog di Davide Maggio, a fronte di un calo di ascolti, c’è stato un boom di stream per le canzoni sulle varie piattaforme.

In quest’ottica si aggiunge l’interessante tweet pubblicato da Enzo Mazza, che rende bene l’idea di come la risposta dei pezzi di Sanremo 2021 su Spotify sia superiore a quella dello scorso anno.

Continua a leggere per ulteriori approfondimenti

Durante l’edizione di Sanremo vinta da Diodato, dopo la prima serata nella top ten di Spotify c’erano solo due brani dell’evento, contro i 9 di Sanremo 2021. Stesso discorso per gli stream: sono passati da 628.143 a 4.104.990.

Di seguito la classifica degli stream su Spotify:

  1. Chiamami per nome – Francesca Michielin, Fedez (766.485 stream)
  2. Voce – Madame (596.732)
  3. Zitti e buoni – Måneskin (473,632)
  4. Parla con me – Fasma (430,213)
  5. Dieci – Annalisa (426.716)
  6. Musica leggerissima – Colapesce e Dimartino (382.247)
  7. Fiamme negli occhi – Coma_Cose (374.236)
  8. Ora – Aiello (357.232)
  9. Glicine – Noemi (297.497)
  10. Potevi fare di più – Arisa (250.734)
  11. Il Farmacista – Max Gazzé (200.889)
  12. Momento perfetto – Ghemon (197,978)
  13. Quando trovo te – Francesco Renga (172.646)

Su Amazon Music invece, invece, le più ascoltate a Sanremo 2021 sono le seguenti:

  1. Chiamami per nome – Francesca Michielin, Fedez
  2. La genesi del tuo colore – Irama
  3. Dieci – Annalisa

Anche su iTunes Store si conferma il predominio di “Chiamami Per Nome” di Francesca Michielin e Fedez, seguito da Irama e “Musica Leggerissima” di Colapesce e Dimartino.

In conclusione, mentre le valutazioni sembrano diminuire, i fan si sono riversati sulle piattaforme di streaming poiché erano ovviamente incuriositi dalle canzoni. Soprattutto nell’ultimo anno, con lo stop ai concerti, le piattaforme di streaming hanno letteralmente tenuto a galla un mercato in grave sofferenza.

Inoltre, hanno anche portato a un calo della pirateria musicale, motivo per cui il CEO di Spotify ha rifiutato l’idea di un nuovo aumento dei prezzi.