canone raiIl 2021 porta una piacevole sorpresa per tantissimi consumatori che al giorno d’oggi vorrebbero evitare di pagare il canone Rai, infatti sarà possibile richiedere legalmente l’esenzione, attenzione però, i tempi sono relativamente stretti.

Le categorie coinvolte ricoprono purtroppo una piccola fetta dell’intera popolazione italiana, però è da segnalare la possibilità di richiedere l’esenzione dal pagamento del canone Rai. Di base tutti noi possiamo presentare una autocertificazione in cui dichiariamo legalmente di non possedere un televisore, e quindi di non dover pagare la tassa; in genere viene sempre accettata, però non siete esenti da verifiche, e nel caso in cui abbiate dichiarato il falso, rischierete una pena detentiva, poiché viene commesso un reato penale.

Il canone Rai non deve essere inoltre pagato sulla seconda casa, secondo la legge è una tassa che deve essere versata solamente una volta a famiglia, di conseguenza se venisse applicato anche su un’abitazione differente dalla residenza (sempre intestata alla stessa famiglia), si ha diritto all’esenzione.

Per ultimi arrivano gli over 75, un’enorme porzione di popolazione italiana, i quali però sono limitati da vincoli ben specifici: reddito famigliare inferiore agli 8000 euro annui (comprensivo del coniuge) e Stato di Famiglia con nessun altro stipendiato (sono esclusi i collaboratori domestici).

 

Canone Rai 2021 e l’esenzione: come e quanto

Se avete diritto all’esenzione, dovete sapere che il meccanismo non si attiverà in automatico, ma sarete costretti a scaricare la domanda dal sito dell’Agenzia delle Entrate e presentarla per via telematica (in autonomia o affidandovi agli entri preposti). La data limite per non pagare l’intero Canone Rai 2021 è fissata al 31 gennaio.