La NASA è stata costretta a ritardare il lancio del nuovo rover su Marte. Si teme che il lancio non sarà possibile per almeno qualche mese.

Il rover Perseverance e la relativa missione spaziale prevista costeranno circa 3 miliardi di dollari in totale. L’obiettivo di questo rover è cercare altre forme di vita sul pianeta di Marte. Inoltre, raccogliere materiali dalla superficie che potrebbero essere utili al pianeta Terra in futuro. Il lancio è stato rinviato al 30 luglio, stando a quanto annunciato dall’agenzia spaziale, ma il tempo è davvero poco.

La Nasa dovrebbe inviare il rover e il razzo che lo trasporta nello spazio entro il 15 agosto, altrimenti Marte si sposterà troppo e il lancio diventerà alquanto impossibile. In tal caso, gli ingegneri dovranno attendere fino al 2022, quando i pianeti si allineeranno nuovamente nel modo giusto. L’agenzia spaziale ha dichiarato che spera di avere il tempo necessario per tentare un lancio che vada a buon fine ed evitare il ritardo di 26 mesi che potrebbe comportare ulteriori problemi.

NASA: viaggio su Marte rimandato ancora una volta, rischio elevato di dover aspettare fino al 2022

La Nasa è già stata costretta a ritardare il lancio più di una volta, in parte a causa di problemi di contaminazione e problemi con una gru. Inizialmente era stato programmato nuovamente un lancio il 17 luglio. La finestra temporale era troppo piccola, dunque la NASA ha fissato come data definitiva il 30 luglio.

United Launch Alliance, che ha realizzato il razzo che trasporterà il rover su Marte, ha affermato che in un recente test di lancio è stato necessario del tempo extra per affrontare tutti i problemi emersi e inaspettati. Indipendentemente dal lancio effettivo del razzo, la NASA punterà a inviare il rover sulla superficie marziana, per iniziare almeno il lavoro di esplorazione della superficie. Anche questo sarebbe tuttavia uno scenario problematico.