Facebook rimuove centinaia di altri account per incitamento all’odio

Facebook sta cercando di diminuire in maniera graduale l'odio presente sulla piattaforma. Nel frattempo, sono stati eliminati altri 500 account

facebook

Facebook sta continuando ad agire contro l’odio. Dopo aver rimosso circa 200 account associati a gruppi di odio presenti sul social network tra cui i gruppi americani Proud Boys e American Guard la scorsa settimana, la società ha confermato di aver rimosso altri 500 account Facebook e oltre 300 account Instagram.

In una dichiarazione a Reuters , un portavoce di Facebook ha dichiarato: “Inizialmente abbiamo rimosso una serie di account per entrambe le organizzazioni il 30 maggio. Questa decisione è avvenuta in seguito a quando abbiamo visto che entrambe le organizzazioni hanno iniziato a pubblicare contenuti legati alle proteste in corso. Continuiamo i lavori per mappare l’intera rete e scovare altri trasgressori“.

 

Facebook sta cercando di mappare tutte le persone che sulla piattaforma incitano all’odio. Intanto, altri 500 account sono stati cancellati

La mossa arriva non molto tempo dopo che Facebook ha adottato misure per reprimere i cosiddetti gruppi “boogaloo“, che includono nazionalisti bianchi e sostenitori pesantemente armati della guerra civile. Nel mese di maggio, nel frattempo, la piattaforma ha iniziato a sviluppare l’intelligenza artificiale nella sua lotta contro l’odio e la disinformazione. Le attuali circostanze sociali in tutto il mondo stanno sicuramente mettendo alla prova gli sforzi di Facebook, ma la piattaforma è chiaramente determinata a dimostrare che è in grado di intraprendere azioni significative contro l’odio.

Il social network vuole perentoriamente diminuire il numero di utenti che pubblicano contenuti razzisti. Sulla scia del movimento Black Lives Matter, come detto prima, sono state imbastite delle nuove linee guida contro l’Hate Speech, le quali mirano a spegnere definitivamente queste sgradevoli situazioni di odio, che sia razzista o meno.