Patrimoniale: utenti impauriti dalla tassa che prende soldi dal conto

Vista l’emergenza in atto, sembra che l’ipotesi di una tassa patrimoniale da parte del governo e possa arrivare da un momento all’altro. Ci sono state già tante smentite per il piacere degli italiani, i quali proprio non riescono a concepire l’idea di vedere un prelievo forzoso effettuato sul proprio conto corrente.

Il presidente del consiglio Giuseppe Conte non ha parlato mai espressamente di un’ipotesi del genere, la quale però continua a tenere banco. Le sue dichiarazioni però a molti sono sembrate ambigue:

“Siamo tutti consapevoli che in Italia c’è un grande risparmio privato, e sicuramente questa è una delle ragioni di forza della nostra economia. Ci sono tanti progetti, vedremo a tempo debito”.

 

L’ipotesi della Patrimoniale: gli italiani hanno paura di vedere un prelievo forzoso sul proprio conto corrente

La patrimoniale sarebbe dunque un prelievo forzoso effettuato in base al reddito. Questo servirebbe a risanare l’economia italiana, anche se comunque sono state già fatte tante smentite. Una nota firmata in calce dal Partito Democratico ha permesso a tutti di leggere le seguenti parole:

“La somma versata, rispettando i criteri di progressività sanciti dalla nostra Costituzione, sarà deducibile e partirà da alcune centinaia di euro per le soglie più basse fino ad arrivare ad alcune decine di migliaia di euro per i redditi superiori al milione”.

I membri dello stesso partito hanno più volte poi espresso il proprio parere in merito, asserendo che tutto ciò potrebbe effettivamente colmare le difficoltà.

“Un grande e solidale paese come l’Italia non può non porsi il tema di come le classi dirigenti e coloro che dispongono di redditi elevati debbano essere chiamati a contribuire a favore di chi non ce la fa”.