La nuova applicazione Messaggi di Google potrebbe davvero portarci in una nuova era di SMS 2.0 in cui tutti gli utenti riusciranno a chattare senza app di terze parti, addirittura anche senza dover ricorrere ad una connessione ad alta velocità.

Al giorno d’oggi tutti noi siamo praticamente “schiavi” di soluzioni del calibro di WhatsApp, Facebook Messenger Telegram, ovvero applicazioni che permettono l’invio e la ricezione di messaggi istantanei tramite la rete internet.

Secondo alcune indiscrezioni, nel corso del 2020 Google dovrebbe rilasciare un importante aggiornamento per l’applicazione Messaggi di Android, proiettandoci a tutti gli effetti gli utenti verso gli SMS 2.0 con protocollo RCS. Ma come raggiungerli? e quali saranno le principali differenze?

 

SMS 2.0: come funzionerà il nuovo protocollo by Google

Per accedere agli SMS 2.0 basterà, quando verrà rilasciato l’update, effettuare il download dell’applicazione Messaggi (il pre-rollout è iniziato solo in Francia e Inghilterra, ma poi sarà nativa nel sistema operativo Android).

Tutto verrà gestito in perfetto stile WhatsApp e Telegram, quindi chat multimediali in cui sarà possibile inviare/ricevere note vocali, file multimediali e documenti, senza però necessitare di una connessione ad alta velocità o allo stesso modo un software di terze parti. Inizialmente sarà assente la crittografia end-to-end (oggi implementata su tutte le app di messaggistica) e l’invio/ricezione di note audio, ma i tecnici hanno promesso che saranno effettivamente disponibili nel momento in cui il software verrà rilasciato globalmente.

Al momento non possiamo offrirvi una data effettiva di rilascio, si è parlato del 2020, ma non abbiamo un’idea precisa nemmeno della stagione di riferimento.