Chernobyl: i nuovi inquietanti dettagli arrivano dai droni in volo

Chernobyl ha dato non poche preoccupazioni all’Europa intera dopo il disastro di diversi ani fa, oltre 30 ormai. Il mondo non è rimasto indifferente dinanzi ad una delle catastrofi nucleari che più hanno segnato la storia in assoluto, ma in molti ad oggi si pongono delle domande.

Era evitabile tutto quello che è successo? Cosa sta succedendo ora a Chernobyl? Qual è lo scenario attuale? Sono tutte domande lecite e soprattutto ricorrenti alle quali il pubblico si vorrebbe associare delle risposte. Partendo dal primo quesito la risposta è, purtroppo, sì. Il disastro poteva essere evitato semplicemente attenendosi ai protocolli di sicurezza. Questi infatti, durante alcuni controlli, furono presi sotto gamba e proprio ciò portò poi alla reazione tra grafite e idrogeno che scaturì in un’esplosione pazzesca. Per quanto riguarda invece lo scenario, a quello ci hanno pensato alcuni studiosi con un’esperienza indiretta sul campo. 

 

Chernobyl: i droni dell’Università di Bristol sorvolano la cittadina fantasma ed effettuano rilievi spaventosi, ecco i risultati

Dopo le tante domande da parte del mondo intero, l’Università di Bristol ha scelto un modo molto semplice per scoprire bene quale fosse l’attuale scenario a Chernobyl. Sono infatti stati utilizzati alcuni droni molto sofisticati, in grado di rilevare le condizioni ambientali, oltre che di riprendere in video la scena.

Lo scenario, ovviamente desolato, ha riportato risultati pazzeschi: il livello di radioattività nell’aria è ancora ben oltre i livelli massimi consentiti. Ciò significa che tuttora Chernobyl potrebbe essere nociva per chiunque ci passeggi. Il picco massimo si trova in corrispondenza della Foresta Rossa.