Il rover Curiosity della NASA potrebbe aver scoperto un’antica oasi su Marte.

Le rocce arricchite con sali minerali forniscono prove di stagni poco profondi che un tempo avrebbero potuto punteggiare il cratere Gale largo 100 miglia. Le piscine salate probabilmente hanno vissuto episodi ripetuti di trabocco e asciugatura, lasciando indizi di miliardi di anni.

Questi depositi, recentemente scoperti dal rover della NASA, indicano fluttuazioni climatiche mentre l’ambiente marziano passava da un habitat umido a un deserto ghiacciato.

Nel 2017, Curiosity ha visitato una sezione di roccia sedimentaria alta 500 piedi conosciuta come Sutton Island, dove un accumulo di sale suggerisce che l’acqua non solo è evaporata, ma concentrata in salamoia.

 

Marte: le caratteristiche dei minerali trovati dopo miliardi di anni

In genere, quando un lago si asciuga, lascia dietro pile di cristalli di sale puri. Ma i sali di Sutton Island sono diversi: sono sali minerali, non sale da tavola.

Leggi anche:  Marte: altri due eventi sismici rilevati sulla sua superficie

Si mescolano ai sedimenti, suggerendo che si sono cristallizzati in un ambiente umido, probabilmente proprio sotto gli stagni di dissipazione superficiali pieni di acqua salata.

Il rover della NASA aveva precedentemente trovato prove di laghi d’acqua dolce altrove su Marte.

Sutton Island potrebbe aver assomigliato una volta ai laghi salini sull’Altiplano del Sud America, dove ruscelli e fiumi che scorrono dalle catene montuose in un altopiano arido e ad alta quota portano a bacini chiusi simili a Gale.

Durante i periodi più asciutti, i laghi Altiplano diventano meno profondi e alcuni possono seccarsi completamente“, ha spiegato Rapin, l’autore principale dello studio. “Il fatto che siano privi di vegetazione li fa sembrare un po ‘come Marte.

Queste rocce arricchite di sale sono solo un indizio tra i tanti che il team di rover sta usando per mettere insieme le condizioni atmosferiche del mondo vicino.