Google ed Amazon sono i marchi più influenti in Italia. E’ quanto emerge da uno studio realizzato da Ipsos per scoprire quali siano i brand in grado di influenzare maggiormente la vita delle persone.

La classifica dei dieci marchi più influenti si configura in questo modo: WhatsApp in terza posizione, seguito da PayPal, Microsoft, YouTube, Samsung, FaceBook, Mulino Bianco e Visa. Interessante osservare quanto gli italiani hanno rivalutato l’immagine di Facebook, molto probabilmente a seguito degli ultimi problemi sulla Privacy e la tutela dei dati degli utenti che ha interessato il Social in quest’ultimo periodo. La piattaforma di Mark Zuckerberg, infatti, l’anno scorso si è piazzata in quinta posizione, ed è ora slittata all’ottavo posto.

Molto interessante anche l’ingresso nella top 10 di Mulino Bianco, unica azienda italiana del food presente in classifica. Instagram si posiziona in quarta posizione per la Generazione Z (15 – 21 anni), mentre Netflix è al decimo posto. Nutella, invece, è al sesto posto per la Generazione Z, al nono per i Millennial e al decimo per i Boomers, cioè le persone tra i 53 e i 71 anni.

Leggi anche:  Amazon Music batte Spotify: in arrivo la funzione più attesa da tutti

Huawei al 25° posto nella classifica dei brand più influenti in Italia

Huawei rafforza la sua posizione in Italia, e viene apprezzata per la capacità di creare connessioni rilevanti tra persone, tecnologia e innovazione e per il sapere avviare e consolidare un rapporto di fiducia con gli utenti.

Stando a quanto emerso dallo studio condotto dalla Ipsos, sono proprio le generazioni più giovani ad apprezzare maggiormente il brand. Huawei si posiziona, infatti, al 23° posto per la Gen Z ed è 19° tra i brand più rilevanti per i Millennials (da 22 a 35 anni). Per le GenX (dai 36 ai 52 anni), invece, Huawei si posiziona al 21° posto.