android-auto-700

Era stato annunciato ormai già da alcuni mesi da parte di Google il corposo aggiornamento di Android Auto. Molte le novità introdotte in questo restyling operato dal colosso di Mountain View. Una buona notizia quindi per gli automobilisti che si trovano in viaggio da e per le località di villeggiatura che potranno sfruttare fin da subito la nuova versione in corso di rilascio.

La parola chiave della versione 4.5 sarà semplicità. Android Auto diventa infatti più smart, con una miglior gestione dell’interfaccia e con l’intelligenza artificiale che finalmente aiuterà il guidatore in svariate fasi del suo viaggio. Scopriamo quindi insieme cosa aspettarci da questo aggiornamento.

Android Auto: l’interfaccia cambia completamente rispetto al passato

La vecchia interfaccia di Android Auto era effettivamente diventata brutta e pesante da digerire. Il restyling grafico migliora quindi notevolmente l’organizzazione della UI rendendola molto più minimal e semplice da navigare. Dividendo virtualmente il display della nostra autovettura potremo distinguere tre aree con le quali interagire.

  • La prima riga in alto è quella che riguarda le nostre applicazioni preferite o comunque quelle che siamo soliti utilizzare con maggior frequenza. Queste potranno essere impostate e gestite a nostro piacimento, inserendoci ad esempio Google Maps, Waze o Spotify.
  • Nel blocco centrale troviamo le applicazioni installate, utilizzabili con un click o richiamandole dall’apposito tasto dell’assistente vocale. L’aspetto positivo è che rispetto al passato ci sarà un adattamento automatico al display che garantirà una visione migliore.
  • Nella barra inferiore troviamo alcuni collegamenti rapidi o visualizzazioni rapide di alcuni task che stiamo effettuando. Sarà infatti qui che vedremo le informazioni sulla strada quando abbiamo in uso un altra applicazione. Troviamo inoltre una serie di tasti come quello di ricerca o del Google Assistant.

Come anticipato migliora anche la capacità di usare più applicazioni in simultanea e l’integrazione tra sistema e veicolo. Dal punto di vista unicamente grafico arriva anche su Android Auto la modalità dark, personalizzabile in base alla colorazione del veicolo o ai nostri gusti personali.