wikileaks

La questione di Julian Assange, ovvero se sarà o meno estradato negli Stati Uniti è ancora senza risposta dopo che un tribunale di Londra ha sentenziato oggi che il fondatore di WikiLeaks affronterà un’udienza di cinque giorni sulla questione nel 2020.

All’inizio di questa settimana, il segretario di casa del Regno Unito Sajid Javid ha approvato una richiesta di estradizione dagli Stati Uniti per Assange per far fronte alle accuse penali. Ma l’autorità finale spetta ai tribunali, che terranno un’udienza completa qualche tempo dopo il 24 febbraio dell’anno prossimo.

La decisione finale è ora in mano ai tribunali

Come ha detto Javid giovedì: “Voglio vedere giustizia fatta in ogni momento e abbiamo una richiesta di estradizione legittima, quindi l’ho firmata, ma la decisione finale è ora in tribunale”.

Assange affronta 18 accuse legate alla fuga di informazioni classificate pubblicate da WikiLeaks. I pubblici ministeri degli Stati Uniti affermano di aver cospirato con l’ex soldato della US Army Chelsea Manning per ottenere il materiale, che includeva cavilli diplomatici del Dipartimento di Stato e documenti sulle guerre in Iraq e Afghanistan.

Leggi anche:  Il governo degli Stati Uniti chiede di respingere la causa di Huawei

Il 47enne Assange era troppo malato per apparire alla sua ultima udienza a Londra, ma oggi ha parlato in tribunale tramite video-link, riferisce Sky News. Ha detto alla corte che “175 anni della mia vita sono effettivamente in gioco” e ha difeso le azioni di WikiLeaks, affermando che il sito Web non era coinvolto nell’hacking di informazioni classificate callsificandosi inoltre come “nient’altro che un editore”.

Mark Summers QC, l’avvocato che rappresenta Assange, ha affermato che il caso di estradizione degli Stati Uniti “rappresenta un assalto oltraggioso verso i diritti giornalistici”.

Negli ultimi sette anni, Assange è stato alloggiato nell’ambasciata ecuadoriana a Londra dopo la possibilità data per seguire un caso di violenza sessuale in Svezia. È stato estromesso all’inizio di quest’anno e da allora ha scontato una pena detentiva di 50 settimane nella prigione di Belmarsh nel Regno Unito per aver ignorato la cauzione.