Google ha apportato importanti aggiornamenti alle politiche del Play Store nel tentativo di rendere l’ecosistema delle app Android più adatto anche ai bambini. L’azienda ha specificato tutti i contenuti vietati, comprese le caratteristiche sessualmente esplicite e l’incitamento all’odio.

Contenuto sessuale

La società ha esteso il divieto delle app che mostrano contenuti sessualmente espliciti. Essi sono definiti “contenuti sessuali” e comprendono anche “l’intrattenimento legato al sesso”. In termini di contenuti, l’azienda è andata oltre gli esempi di “atti sessuali”, “pose sessualmente suggestive” e “immagini promozionali di giocattoli sessuali” con quanto segue. ‘Vietate rappresentazioni della nudità in cui il soggetto è nudo o vestito minimamente, dove l’abbigliamento non è accettabile se fosse in un contesto pubblico. Vale anche per le rappresentazioni, animazioni o illustrazioni di atti sessuali o pose sessualmente suggestive. Oppure, contenuto che raffigura aiuti sessuali e fetish, osceni o profani’.

Incitamento all’odio

Google ha mantenuto la precedente definizione di incitamento all’odio, la quale proibisce nelle app, ma ha costruito un elenco di comuni violazioni dell’odio. Includono: Asserzioni volte a dimostrare che un gruppo è inumano, inferiore o degno di essere odiato, App che contengono teorie su un gruppo che possiede caratteristiche negative (ad esempio dannose, corrotte, malvagie, ecc.) (…) O che affermano esplicitamente o implicitamente che il gruppo sia una minaccia.
Contenuti o discorsi che cercano di incoraggiare gli altri a credere che le persone dovrebbero essere odiate o discriminate perché fanno parte di un gruppo specifico.

Leggi anche:  Gmail: il nuovo aggiornamento introduce l'AI, ovvero intelligenza artificiale

Monetizzazione

Gli editor dei giochi che offrono premi devono adesso “rivelare chiaramente le probabilità di ricevere quegli oggetti prima dell’acquisto“. Il Congresso ha lavorato sulla legislazione più adeguata. In una discussione correlata, Google ha aggiornato il divieto di gioco d’azzardo in cui i premi erano precedentemente denominati “premi in denaro o altro valore” che ora sono “premi in denaro o altro valore reale”.