starlink

Stasera SpaceX tenterà di far ripartire la sua ambiziosa iniziativa Internet dallo spazio conosciuta come Starlink, lanciando i primi 60 satelliti spaziali pianificati in un’orbita più bassa sopra la Terra. Queste sonde inaugurali non hanno tutte le capacità che i satelliti finalizzati dovrebbero avere, ma il loro lancio farà girare il meccanismo su Starlink, e dovrebbero aiutare SpaceX a imparare quello che serve per far funzionare un grande numero di veicoli nello spazio.

“Questo è stato uno dei progetti di ingegneria più difficili che abbia mai visto, ed è stato eseguito molto bene”, ha detto il CEO di SpaceX Elon Musk durante una conference call.

Starlink è uno dei progetti più formidabili della società, che prevede di mettere in orbita due gruppi di satelliti: un lotto di 4.409 satelliti che opererà tra 340 miglia (550 chilometri) e 823 miglia (1.325 chilometri) in orbita. E poi c’è un secondo lotto di 7.518 satelliti che volerebbe leggermente più in basso, tra 208 miglia (335 chilometri) e 214 miglia (346 chilometri) di altitudine. Si tratta di un totale di 11.927 satelliti che serviranno per distribuire la connessione sulla Terra.

Leggi anche:  Iliad, continua l'alleanza con Wind e per i clienti c'è una novità

 

Uno dei progetti di ingegneria più grandi di sempre

In definitiva, l’obiettivo è quello di fornire una copertura Internet globale dallo spazio, con tempi di latenza molto brevi nel segnale: qualcosa che gli attuali satelliti non possono realizzare. La maggior parte dei satelliti che forniscono copertura Internet dallo spazio si trovano in orbite molto più alte (nota come orbita geostazionaria), una distanza di circa 22.000 miglia sopra l’equatore. Il problema con questi satelliti, tuttavia, è che ci vuole molto tempo per ottenere i loro dati, poiché i segnali devono percorrere migliaia di chilometri attraverso lo spazio. Ecco perché SpaceX e altre società aerospaziali propongono costellazioni in orbite molto più basse, per ridurre questo problema di latenza.