Attenzione alla nuova truffa su WhatsApp

Nelle ultime ore gli stessi sviluppatori di WhatsApp hanno messo in allerta gli utenti riguardo la presenza di un software malevolo, uno spyware, in grado di rubare conversazioni segrete. Molte persone erano in pericolo: alla ricezione di una telefonata anonimia – si rispondeva o no, non era rilevante – potevano essere condivise chat riservate.

 

WhatsApp, come difendersi dal software spia che terrorizza tutti

Ci sono delle accortezze da prendere per difendersi da ogni tentativo di attacco esterno su WhatsApp. Come specificato dal team che si occupa dello sviluppo della chat, la miglior soluzione è quella di aggiornare in maniera costante e continua la piattaforma di messaggistica. Con ogni aggiornamento, infatti, vengono risolte tutte le falle di sicurezza.

Per questo particolare software spia e per tutti gli spyware in generale gli utenti devono fare molta attenzione ai servizi di cloud come Google Drive. Non essendo protetti dalla crittografia end-to-end, per tutelare la propria riservatezza è possibile mettere in stand by l’archiviazione in rete delle conversazioni.

La tutela della propria privacy passa anche dalla “Verifica in due passaggi”. Attivando questa funzione – attraverso lo stesso menù Impostazioni della chat – gli utenti bloccano sul nascere ogni tentativo di spionaggio online. La “Verifica in due passaggi” rappresenta uno scoglio praticamente insormontabile per i malintenzionati della rete.

L’ultima soluzione, che è più un consiglio, è selezionare con accuratezza i contatti di WhatsApp. In chat, è utile sottolinearlo ancora una volta, si deve comunicare soltanto con persone conosciute e fidate.