ezechiele profezia fine del mondo

La profezia di Ezechiele torna sulla bocca di tutti a distanza di secoli. Infatti, a riaccendere gli animi, è la scoperta che ha effettuato il fotoreporter Noam Bedein nel suo progetto “Dead Sea Revival Project”. Nei suoi scatti si notano infatti dei pesci nuotare liberi e tranquilli nel Mar Morto. Fin qui tutto bene, finché non ci si riflette un attimo.
Nel lago salato più famoso del mondo, la fauna e la vegetazione non possono nascere.

L’ultima scoperta risale al 2011 quando trovarono dei batteri “estremofili” ma la notizia non destò l’interesse generale, considerando che sono batteri nati per resistere in condizioni di estrema difficoltà. E’ strano come forme di vita come pesci e vegetali siano riusciti a svilupparsi in un lago con la salinità sopra il 37%.

Pesci nel Mar Morto, la profezia di Ezechiele è reale?

Facciamo un passo indietro. Bisogna prendere la Bibbia e far riferimento all’interno della stessa alla Genesi. Infatti sono presenti riferimenti alla regione circostante il Mar Morto. Infatti nel passato era una zona ricca e fertile, piena di vegetazione e forme di vita.
Il cambiamento però è avvenuto però dopo la distruzione di Sodoma e Gomorra, come dice nella Genesi:

Leggi anche:  Profezia di Ezechiele: la preoccupazione sulla fine del mondo è reale

Allora Lot alzò gli occhi e vide che tutta la valle del Giordano era un luogo irrigato da ogni parte…prima che il Signore distruggesse Sodoma e Gomorra…era come il giardino del Signore, come il paese d’Egitto, fino ai pressi di Zoar ”.

Nel capitolo 47 della Genesi vi è la famosa corrispondenza tra l’episodio di Sodoma e Gomorra e i cambiamenti dell’assetto faunistico del Mar Morto.
Per tale motivo l’opinione pubblica, scientifica e religiosa si è divisa circa questa nuova tematica. Secondo Ezechiele, stando a quanto scritto nella Genesi, quando i pesci torneranno nel Mar Morto a nuotare, la fine del mondo sarà prossimo.

Bedein con la sua recente scoperta però non ha voluto dimostrare la veridicità della profezia, ma sensibilizzare il mondo sulle problematiche legate al bacino salato, poiché ogni anno il livello dell’acqua scende di circa 1 metro.