spacex

Gli investigatori stanno ancora cercando di capire esattamente perché un veicolo spaziale di SpaceX è esploso durante i test il 20 aprile. Un funzionario ha confermato oggi che l’esplosione ha distrutto la versione di prova del veicolo passeggeri della compagnia noto come Crew Dragon.

La compagnia ha avviato un’indagine sull’incidente poco dopo che è successo, e sta ancora combattendo tra le prove dell’incidente. La sicurezza e le prestazioni di Crew Dragon sono di particolare interesse per la NASA e SpaceX. La NASA ha incaricato SpaceX di costruire il veicolo come parte del suo programma, che mira a ridurre la dipendenza dell’agenzia spaziale dal razzo russo Soyuz. Attualmente, la Soyuz è l’unico veicolo che trasporta persone da e verso la Stazione Spaziale Internazionale.

Prima dell’esplosione, il test stava procedendo secondo i piani, Hans Koenigsmann, vicepresidente di Mission Assurance di SpaceX, ha dichiarato in una conferenza stampa sull’imminente missione di rifornimento di SpaceX all’ISS. La capsula era fissata in posizione per il test, che è stata progettata per assicurarsi che i propulsori del sistema funzionassero correttamente. Koenigsmann ha detto che la capsula si è attivata “come previsto”.

Poi è arrivato il momento di testare i SuperDracos, i propulsori progettati per trasportare il Crew Dragon e i suoi passeggeri lontano nel caso in cui qualcosa vada storto durante il lancio. Circa mezzo secondo prima che i propulsori SuperDraco partissero, qualcosa è andato storto. “C’è stata un’anomalia e il veicolo è stato distrutto“, ha detto infine Koenigsmann.

Nessun problema con i SuperDracos

Mentre è ancora troppo presto per nominare una causa, i primi dati suggeriscono che qualsiasi cosa sia accaduta quando è stato attivato il sistema SuperDraco, ha detto Koenigsmann. “Non abbiamo motivo di credere che ci sia un problema con i propulsori”, ha affermato.

I propulsori SuperDraco sono stati testati a fondo, compreso il fatto di essere passati oltre 600 volte nello stabilimento Texas di SpaceX, ha detto Koenigsmann. “Continuiamo ad avere grande fiducia in quel particolare propulsore.”