velocità di rete Tim, Wind Tre, Vodafone e Iliad

La connessione dati utilizzata dai clienti Tim, Wind Tre, Vodafone e Iliad e di tutto il mondo soffre di una falla che mette in pericolo la privacy e l’integrità degli utenti. Secondo le ultime indiscrezioni rilevate attraverso un’analisi, il 4G non può essere sanato e l’unica certezza risiede nel 5G.

Sebbene siano diversi anni che gli utenti sfruttino il 4G senza problemi, questi potrebbero sopraggiungere in alcuni casi. Non c’è bisogno di urlare e preoccuparsi poiché gli analisti hanno dichiarato che essere hackerati attraverso questa falla è molto difficile. Nonostante questo, il problema continua a coesistere.

4G: ecco perchè i clienti possono correre dei rischi

Secondo quanto analizzato dagli studiosi, il 4G soffre di una falla che ha intaccato tre dei protocolli principali dello standard. Attraverso questi, quindi, diversi hacker potrebbero servirsi di una strumentazione per entrare nei dispositivi degli utenti.

Leggi anche:  Il 4G è pericoloso: ecco i rischi che si incorrono utilizzandolo

In particolar modo, grazie ad un eventuale rapporto di vicinanza, i malintenzionati possono generare una finta cella 4G a cui l’utente si aggancia. Una volta effettuato questo collegamento, l’hacker potrà generare sia attacchi passivi che attivi. Tra questi troviamo il DNS Spoofing. 

Come già riportato, gli analisti hanno messo le mani avanti segnalando che tali attacchi sono possibili, ma richiedono una strumentazione molto avanzata e costosa e un legame di vicinanza non indifferente. Non possono essere classificati come impossibili, ma sono attacchi mirati che potrebbero interessare persone importanti in diversi settori pubblici.

In ogni caso è stato già assodato che il 5G non presenterà questa falla: gli utenti passeranno a questo nuovo standard anche per tale motivo?