I ransomware affliggono l'Italia

I ransomware continuano a colpire l’Italia, che nel 2018 risulta il primo Paese in Europa e il decimo Paese nel mondo più interessato da questo fenomeno. Il dato emerge da “Catturati nella rete: Districare la matassa di minacce vecchie e nuove”, il report di Trend Micro Research sulle minacce informatiche che hanno colpito l’anno passato.

Se il trend ransomware si conferma nel nostro Paese, a livello globale si assiste a una diminuzione del 91% rispetto al 2017. La scena cybercriminale sta cambiando, sia nell’approccio che nelle tattiche. Questo è dimostrato da un aumento del 237% nel mining di cripto valute e dalla crescita del 269% degli URL di phishing.

Gli attacchi oggi sono più studiati, in contrasto con tecniche del passato, che miravano più a colpire grandi quantità di utenti. Questo si riflette nell’aumento del 28% degli attacchi BEC (Business Email Compromise), che hanno sottratto una cifra media di 132.000 dollari ad attacco.

Questa è una tipologia di truffa che non prevede l’utilizzo di malware e riesce a oltrepassare le tradizionali soluzioni di sicurezza. Le aziende devono implementare soluzioni smart che analizzano lo stile di scrittura della mail, per identificare i tentativi di frode. È a questo, ad esempio, che serve la soluzione Trend Micro Writing Style DNA.

Nel 2018 sono aumentate anche le vulnerabilità: un aumento del 224% dei bug in ambito Industrial Control System. In questo ambito, i cybercriminali spesso sfruttano vulnerabilità per le quali sono già state rilasciate delle patch, ma che le aziende non hanno ancora implementato.

Leggi anche:  Ransomware: il 65% delle aziende utilizza sistemi operativi antiquati

 

Ransomware, la situazione in Italia nel 2018

Nel 2018 l’Italia è stato il Paese più colpito in Europa, con il 12,92% dei ransomware di tutto il continente e tra i 10 più colpiti al mondo. Questa la top ten globale: Stati Uniti, Brasile, India, Vietnam, Messico, Turchia, Indonesia, Cina, Bangladesh e proprio la nostra cara Italia.

Il numero totale di malware intercettati in Italia nel 2018 è di 26.353.635 mentre le visite a siti maligni sono state 10.182.915. Di questi, i siti ospitati in Italia e bloccati sono stati 1.485.794. Continuando con i numeri, le minacce arrivate via mail sono state 611.651.947.

Ma, come se non bastasse, a questi si aggiungono malware di online banking. Quelli intercettati sono stati 4.295. Gli attacchi Exploit Kit sono stati 2.656 mentre il numero di app maligne scaricate nel 2018 è di 25.128. In tutto il mondo, Trend Micro ha bloccato nel 2018 un totale di 48 miliardi di minacce.