samsung

Samsung ha condotto un’indagine interna sulla sua operazione di marketing negli Stati Uniti e arrivando a licenziare diversi dipendenti, secondo un rapporto del Wall Street Journal. La tempistica è degna di nota dato che il capo marketing di Samsung, Marc Mathieu, ha lasciato la compagnia la scorsa settimana.

Il nome di Mathieu potrebbe non essere familiare, ma è stato fondamentale per spingere Samsung a investire nella community dei creator di YouTube e guidare la società in diversi periodi difficili. Tra questi, la gestione del richiamo disastroso del Galaxy Note 7 nel 2016. Mathieu ha anche contribuito a lanciare il Galaxy S8 e S8 Plus l’anno successivo, telefoni che hanno fatto molto per ripristinare la reputazione malconcia dell’azienda.

Più recentemente, ha spinto collaborazioni con YouTubers come Casey Neistat per, ha creando una spinta in questo settore cercando di investire in YouTubers e Creators  invece di pagare agenzie pubblicitarie tradizionali, gettando le basi per gran parte dell’industria che vediamo oggi. “I creatori sono oggi, in un certo modo, i marketer e gli inserzionisti dei nostri prodotti“, ha affermato l’anno scorso.

Leggi anche:  Samsung Galaxy S10: problemi con la possibilità di scambiare smartphone

 

Nessuna notizia da parte della società

Secondo il WSJ, Samsung stava indagando sul suo personale di marketing, cercando di capire se avesse violato la politica aziendale riguardo alle relazioni con i partner commerciali. È il tipo di controllo che avrebbe cercato tangenti o altre forme di corruzione tra lo staff di Samsung e i partner di marketing. Ma non è chiaro quali siano le violazioni rilevate dall’audit.

Il WSJ osserva che gli impiegat spesso accompagnano i partner a eventi di intrattenimento sponsorizzati come il Super Bowl o gli Oscar, e che tale comportamento può creare un conflitto di interessi. Questo comportamento potrebbe mettere in discussione “se i marketer stanno orientando le risorse verso i canali di marketing più performanti”, ha affermato la pubblicazione.

Samsung ha rifiutato di commentare se l’audit abbia avuto luogo o meno, e anche se la partenza di Mathieu fosse legata all’inchiesta.