Facebook

Il social network Facebook riceverebbe delle nostre informazioni da alcune applicazioni terze. A scoprirlo è stato il Wall Street Journal in seguito ad un’inchiesta.

L’inchiesta ha infatti rivelato che le informazioni cedute, arrivano da applicazioni di salute. Più precisamente i dati sull’attività cardiaca, l’arrivo delle mestruazioni, il peso corporeo e molte altre. Scopriamo insieme i dettagli.

 

Facebook riceve delle informazioni personali da applicazioni terze

La piattaforma di Mark Zuckerberg si trova nuovamente coinvolta in una tempesta mediatica. Questa volta è il Wall Street Journal a pubblicare un’inchiesta sulla cessione di dati personali alla piattaforma, da parte di alcune applicazioni per la salute, soprattutto quelle installate su iPhone. Il quotidiano ha precisamente analizzato almeno 11 applicazioni abbastanza famose.

Tra queste applicazioni, ci sono anche Instant Heart Rate: HR Monitor, una di quelle più utilizzate dagli utenti che utilizzano iPhone per monitorare la propria attività cardiaca. Ci sono anche applicazioni utilizzate dalle donne per controllare l’arrivo delle mestruazioni come Flo Period & Ovulation Tracker.

Leggi anche:  Smartphone e privacy: come scoprire se si è spiati da qualcuno

Per quanto riguarda le applicazioni installate sui dispositivi Android, troviamo anche BetterMe: Weight Loss Worksout, che invierebbe le informazioni a Facebook su alcuni parametri come peso altezza e altri dati degli utenti. Un’altra applicazione “incriminata” per Android è Realtor.com, che condivide i dati sulla geolocalizzazione e prezzi delle case che i clienti hanno preferito e visitato. Se non volete quindi che i vostri dati personali vengano passati a Facebook senza il vostro consenso, evitate di scaricare le applicazioni appena citate.