IPTV: Le Iene hanno svelato come avere un abbonamento ma anche le multe

L’IPTV è una delle vie di accesso principali al vasto panorama dei contenuti in streaming. Nel corso di questa stagione televisiva, sempre più persone stanno familiarizzando con questo strumento illegale che consente di avere Sky, Netflix e DAZN in un unico pacchetto sul proprio tv o sui propri dispositivi mobili.

L’IPTV è un fenomeno omogeneo in ogni angolo della nostra nazione. Il suo fattore principale è dato dal prezzo. Il costo medio di un abbonamento si aggira sui 10 euro, con un conseguente risparmio rispetto ai listini ufficiali che supera i 50 euro.

 

L’IPTV si basa sulle chat WhatsApp: quanti pericoli per chi vuole Sky e DAZN a costi da ribasso

WhatsApp è uno degli strumenti di propaganda principali per l’IPTV. Quelli che si celano dietro tale tecnologia usano le chat di messaggistica, ed in particolare modo, i gruppi privati per promuovere il loro prodotto. Insieme a WhatsApp non va dimenticata anche Telegram.

Leggi anche:  SMS battono Whatsapp e Telegram: svelati i motivi principali

Gli utenti spesso e volentieri focalizzano solo quelli che sono gli aspetti favorevoli del sistema con particolare attenzione ai costi bassi. Pochi si ricordano che la visione illecita per i canali Sky ed per i contenuti DAZN o Netflix può portare a rischi enormi.

Con le norme attualmente in vigore ci sono sanzioni massime che possono arrivare a 30mila euro per i semplici spettatori. E’ prevista, invece, anche nella reclusione da un minimo di un anno ad un massimo di tre anni per coloro che trasmettono il segnale criptato nelle case degli italiani.