FacebookMolti hanno deciso di abbandonare Facebook sulla scia dello scandalo di Cambridge Analytica che ha travolto il gigante dei social media. Eliminare l’account è lodevole, ma non del tutto. Molti di noi fanno affidamento alla piattaforma onnisciente per qualsiasi cosa, dalle nostre vite sociali alle nostre prossime mosse di lavoro, per non parlare del puro intrattenimento.

Purtroppo, però, cancellare il proprio account Facebook non ne vale la pena. Non dovresti preoccuparti di provare a smettere. È troppo tardi; il tuo martirio non cambierà nulla – e probabilmente è probabile che non abbia funzionato comunque. Forse ti sei unito al movimento #DeleteFacebook per dare un colpo di grazia alla multinazionale miliardaria di Mark Zuckerberg. Potresti aver sperato che unendoti a una crociata collettiva, saresti parzialmente responsabile di aver ucciso la bestia e di aver reso il mondo un posto più giusto. È una buona idea, ma non è realistico. Facebook ha oltre due miliardi di utenti, e anche se una folla di occidentali scontenti inorriditi dalla prospettiva di condividere i propri dati decide di gettare la spugna, ciò non compenserà l’ondata quotidiana di nuovi abbonati, in particolare derivanti dell’Asia e l’Africa.

Facebook rappresenta oltre il 42% delle visite mensili ai social media. Circa 1,4 miliardi di utenti attivi lo visitano quotidianamente. Piattaforme come questa stanno solo proliferando – in parte perché tendono ad essere strumenti affidabili per la comunicazione. Nel tentativo di conquistare utenti in parti del mondo in cui le connessioni Internet sono ancora lente, Facebook ha effettivamente rilasciato una versione della sua app efficiente. Forse la tua decisione di lasciare Facebook è stata guidata dalla tua bussola morale, dalla tua coscienza e dal desiderio di sentirti semplicemente una persona che fa la cosa giusta.

Leggi anche:  La gelosia nel 2018: fidanzate che sbirciano nel telefono del proprio compagno

Cancellarsi da Facebook per sfuggire al rilevamento dei dati personali non serve a nulla, i nostri dati sono ormai ovunque

Per essere chiari, ogni grande impresa di telecomunicazioni e tecnologia utilizza in qualche modo pubblicità mirata. E si affidano ai tuoi dati per farlo. Consideriamo Google. Se non hai disattivato attivamente il rilevamento della posizione, Google saprà esattamente dove sei stato. Sa cosa hai cercato, anche se hai cancellato la cronologia delle ricerche e quali email hai inviato, ricevuto e scelto di non inviare. È consapevole della tua età, dello stato delle relazioni, degli interessi, degli hobby e forse anche delle tue entrate.

Allo stesso modo, Facebook ha raccolto per anni record di chiamate e SMS dai servizi di dispositivi Android. Conosce ogni singolo luogo in cui hai effettuato l’accesso e registra tutte le applicazioni che hai mai collegato al tuo account. Pulire la scia di documenti personali che hai lasciato nell’ultimo decennio equivarrebbe a un lavoro a tempo pieno, e anche stressante. Hai implicitamente accettato di condividere tutto intorno al 2005, quando molto probabilmente hai scoperto Facebook e hai imparato ad amarlo come un modo di ricollegarsi innocentemente con gli amici. A quei tempi, la sicurezza informatica e le violazioni dei dati potevano sembrare concetti estranei o caratteristiche fantascientifiche.