SMS e email phishingEmail ed SMS fraudolenti nascondono tentativi di frode che mirano alle carte e ai conti degli utenti. I più colpiti dai tentativi di frode sono i titolari di carte PostePay ma anche i clienti Unicredit e dei vari istituti bancari ricevono messaggi phishing. Sono comunicazioni create e diffuse da hacker che tramite tecniche semplici e infime tentano di svuotare i conti e ottenere il denaro degli utenti. Il trucco dei malfattori risiede nel tono intimidatorio e convincente con il quale richiedono i dati e le credenziali di accesso al conto.

Truffe online: così i cyber-criminali tentano di svuotare i conti!

Fortunatamente l’intensa diffusione di questi tentativi di frode e la struttura che li caratterizza, sempre uguale, ha dato modo di apprendere la tecnica e raggirarla. Gli utenti, infatti, possono proteggere il loro conto senza alcuna difficoltà, conoscendo gli strumenti tipici del phishing.

Leggi anche:  Postepay: arriva la nuova truffa che prosciuga il credito da WhatsApp, Poste rassicura

Basta ricordare di leggere attentamente i messaggi ricevuti, identificarne la provenienza e non lasciarsi ingannare nel caso in cui si presentino a nome di Poste Italiane o altre banche. Le aziende hanno più volte comunicato ai loro clienti di non essere solite richiedere informazioni e dati personali online. Le comunicazioni phishing, inoltre, contengono sempre un URL al quale i malfattori invitano ad accedere. Il link servirà a spedire la vittima al sito clone da loro creato, che seppur graficamente simile a quello ufficiale dell’azienda, è falso. Tramite la pagina fake, infatti, i criminali possono ottenere i dati degli utenti e poi svuotare il loro conto o la loro carta.