Samsung Galaxy A5 2016
Buone notizie per coloro che possiedono un Samsung Galaxy A5 2016. Lo smartphone si sta aggiornando in queste ore ad una nuova versione software. Si tratta dell’aggiornamento contrassegnato con il numero XXU6CRH1 che Samsung ha sviluppato per migliorare la sicurezza del proprio dispositivo.

Nello specifico, Galaxy A5 2016 riceve le patch di sicurezza Android più recenti. Si tratta delle correzioni del mese di agosto 2018 che risolvono quattro vulnerabilità critiche proprie del robottino verde. Queste vulnerabilità mettevano in serio pericolo la privacy dell’utente.

Inoltre, Samsung ha poi corretto 11 vulnerabilità del proprio software in esecuzione sullo smartphone. A queste novità si aggiungono, come di consueto, i classici miglioramenti alle prestazioni e alla stabilità del sistema. In realtà non è escluso che possa essere stato risolto qualche bug.

 

Galaxy A5 2016, come aggiornare il software di sistema

L’aggiornamento in questione è attualmente disponibile per i Galaxy A5 2016 No-brand venduti nei Paesi Bassi. Nonostante questo il rilascio dovrebbe impiegare pochi giorni per raggiungere il nostro Paese. In ogni caso sarà lo smartphone a segnalare attraverso una notifica la disponibilità di un nuovo aggiornamento software.

Leggi anche:  Samsung: trapelate online le immagini del display Infinity-O dei Galaxy S10

Se questo non dovesse accadere, di tanto in tanto forzate la ricerca di nuove versioni software dalle impostazioni di sistema. L’aggiornamento non elimina alcun dato e non cambia le impostazioni ma è sempre consigliabile eseguire un backup, almeno dei dati più importanti.

La procedura è completamente automatica ma richiede l’avvio da parte dell’utente al quale consigliamo di mantenere attiva la connessione WiFi attiva e di attaccare lo smartphone alla corrente attraverso il caricabatterie originale. Una precauzione per evitare problemi di scrittura sulla memoria ROM.

Durante l’installazione, che durerà al massimo 10 minuti, non sarò possibile utilizzare Galaxy A5 2016 nemmeno per le chiamate d’emergenza. La procedura si completerà con il riavvio del dispositivo alla normale modalità di utilizzo.