Samsung Galaxy A (2019)
Samsung Galaxy A (2019), la prossima gamma di smartphone Android di fascia medio alta del produttore coreano potrebbe abbracciare le triple fotocamere posteriori e oltre altre feature premium. È quanto riferisce The Korea Herald’s Investor, citando fonti vicine al gigante tecnologico di Seoul.

Una vera novità per Samsung che solitamente attende molto prima di portare alcune delle caratteristiche dei suoi smartphone di fascia alta in modelli meno premium e costosi. Ma evidentemente la società vuole cambiare ed essere più aggressiva, anche perché sono tantissimi i brand che rendono sempre più appetibili anche i loro modelli base.

Di conseguenza, almeno alcuni smartphone della serie Galaxy A (2019) potrebbero adottare sia una configurazione con tre fotocamere posteriori che un lettore di impronte digitali in-display. Una mossa del genere segnerà un salto tecnologico senza precedenti per i dispositivi di fascia media di Samsung.

Basta pensare a Galaxy A8 (2018) e Galaxy A8 Plus (2018) che sono arrivati sul mercato con una sola telecamera posteriore solo otto mesi fa e uno dei loro successori potrebbe averne tre. Adesso rimane da capire se la Road Map del produttore coreano rimarrà la stessa o verrà completamente stravolta.

Leggi anche:  Snapdragon 855: il nuovo SoC è apparso nel benchmark Xiaomi

La serie Galaxy A (2019), come da tradizione, dovrebbe essere svelata alla fine di quest’anno ma come fanno degli smartphone di fascia media ad anticipare le novità che caratterizzeranno smartphone importanti come Galaxy S10, atteso per il primo trimestre del 2019?

A meno che Samsung non intende introdurre queste novità prima negli smartphone di fascia media e poi nei propri top di gamma, andranno rivisti tutte le presentazioni e a questo punto la serie Galaxy A (2019) potrebbe essere annunciata più tardi. In ogni caso è naturale che triple fotocamere e lettori in-display non saranno gli stessi.

Samsung differenzierà comunque la sua offerta offrendo soluzioni più precise e avanzate tecnologicamente nei modelli più costosi e allo stesso i mid-ranger potranno confrontarsi senza problemi con i dispositivi OPPO, Honor, e Vivo.