Amazon a rischioUna fabbrica in Cina che produce e-reader Kindle di Amazon e altoparlanti intelligenti Echo Dot è sotto inchiesta su presunti maltrattamenti dei lavoratori. Reduci di un’indagine di nove mesi sulle condizioni di lavoro.

Il gruppo di difesa statunitense China Labor Watch ha pubblicato una serie di accuse relative alle condizioni di lavoro nella fabbrica di Foxconn di Hengyang, uno dei fornitori del gigante della vendita al dettaglio online. Secondo il report, i lavoratori dovevano lavorare più di 100 ore di straordinari mensili durante i periodi di massima produzione. Addirittura è presente un’istanza di persone che lavoravano 14 giorni consecutivi senza un giorno di riposo.Tutti i lavoratori sono soggetti a lunghe ore e bassi salari. Dato che i salari sono bassi, i lavoratori devono fare affidamento sulle ore di straordinario per guadagnare abbastanza per mantenere uno standard di vita decente.

In risposta, il produttore di Foxconn ha dichiarato che avrebbe indagato sulla vicenda, affermando: “Stiamo conducendo un’indagine completa, se ritenuto vero, verranno intraprese azioni immediate per portare le operazioni in conformità con il nostro codice di condotta. ” Secondo China Labor Watch, circa il 40% dei lavoratori erano lavoratori del dispacciamento. Sebbene la legge cinese affermasse che le società dovevano essere limitate a solo il 10% della loro forza lavoro composta da lavoratori del dispacciamento.

Leggi anche:  Amazon: alcuni dipendenti della piattaforma rischiano grosso

Amazon indignato per i lavoratori di una sede cinese dell’azienda: lavorano ogni giorno in situazioni precarie inaccettabili

I lavoratori del dispacciamento sono stati pagati alla stessa velocità per le ore regolari e di lavoro straordinario. Erano sottopagati, questo è illegale. Secondo quanto riferito, i lavoratori delle spedizioni hanno guadagnato 14,5 yuan (£ 1,69) all’ora. I dipendenti hanno anche lavorato più di 100 ore di straordinario al mese durante l’alta stagione, molto più delle 36 ore consentite dalla legge. Amazon ha dichiarato di aver verificato la fabbrica a marzo e di aver scoperto che gli straordinari e l’uso dei lavoratori delle spedizioni erano “problemi da valutare”.

“Abbiamo richiesto immediatamente un piano d’azione correttivo da Foxconn”, ha dichiarato Amazon. L’azienda ha affermato che avrebbe monitorato la risposta di Foxconn e “la conformità con il nostro codice di condotta del fornitore. Ci impegniamo a garantire che tali problemi siano risolti. ” Una lettera del direttore di Amazon Kara Hurst, in risposta all’autore del rapporto, dichiara che il rivenditore tiene traccia dei rimedi da vicino e conduce valutazioni di follow-up basate sui risultati. La società ha riconosciuto “la responsabilità nel garantire il benessere degli operai che fabbricano prodotti per Amazon“.