Google sta attualmente sviluppando una nuova funzione per risposte intelligenti con Gboard. Essa consente di inviare rapidamente risposte automatizzate attraverso un’ampia varietà di app di comunicazione su dispositivi Android.

Scoperto per la prima volta da un membro XDA Developers, il servizio sperimentale sembra essere in lavorazione. Nonostante ciò può già offrire alcune funzionalità limitate in combinazione con almeno otto app. Tra esse: Messenger, Messenger Lite e WhatsApp, così come Snapchat, WeChat e il trio di strumenti di Google – Messaggi Android, Hangouts e Allo.

Gboard si rinnova con nuove implementazioni pensate da Google per alcune app Android

L’apertura di una notifica inviata da una delle app di cui sopra e la sua casella di risposta rapida consentiranno di visualizzare i suggerimenti forniti come parte della barra di completamento automatico di Gboard posta sopra la tastiera. La funzionalità si basa su una varietà di algoritmi di scansione delle parole chiave per ovvi motivi. Quindi Gboard dovrà essere in grado di leggere il contenuto delle notifiche al fine di fornire suggerimenti. Infatti chiederà anche il permesso di farlo quando lo chiedi per la prima volta. Come nel caso delle traduzioni e altre funzionalità di modifica dei contenuti dell’app Android di Google, tutti i suggerimenti sono presentati come parte di una piccola striscia, essendo chiaramente visibili e chiari per la selezione.

Leggi anche:  Amazon, Google e altri colossi hanno registrato un calo non indifferente

L’imminente funzionalità è supportata da TensorFlow, il framework software open source di Google Brain Team per la codifica del flusso di dati progettato appositamente per l’apprendimento automatico e le applicazioni di intelligenza artificiale generale. Un simile modello di apprendimento automatico sta anche alimentando risposte intelligenti in Gmail e Inbox. Google ha gradualmente implementato tale servizio nel corso dell’ultimo semestre. Non è ancora chiaro per quanto tempo potrebbero essere in fase di sviluppo le risposte intelligenti native di Gboard. Anche se la funzionalità quasi sicuramente colpirà il canale beta prima di essere inserita in una build stabile dell’app per Android.