WhatsApp: in questo modo puoi impedire di fornire le tue informazioni a FacebookFacebook possiede WhatsApp dal 2014. Da allora, l’applicazione di messaggistica istantanea condivide le informazioni dai suoi utenti al popolare social network. Questo, dicono, è per “coordinare e migliorare le esperienze tra i nostri servizi“.

WhatsApp riconosce sul suo sito Web che fornisce a Facebook “alcune informazioni, come il numero di telefono che si è verificato al momento della registrazione, così come l’ultima volta che hai utilizzato il servizio“. Inoltre, chiarisce che nulla di quello che condividi su WhatsApp, inclusi messaggi, foto e informazioni sul profilo, sarà a sua volta condiviso su Facebook.

Prendendo in considerazione tutto quanto sopra, ora passiamo alla domanda che ha motivato non poche riflessioni: posso impedire a WhatsApp di fornire le mie informazioni a Facebook? La risposta, purtroppo, è no.

Quello che puoi fare è impedire che le informazioni nel tuo account servano da strumento per migliorare l’esperienza con la pubblicità e i prodotti su Facebook. Per farlo, c’è da seguire due passaggi.

Prima opzione

(Solo per coloro che installeranno semplicemente l’app) – Prima di accettare per dare il proprio consenso in merito ai Termini di servizio e alle Norme sulla privacy aggiornate, vai su Leggi. Vedrai un pulsante nella parte inferiore dello schermo. Se non vuoi condividere le informazioni del tuo account con Facebook, puoi deselezionare la casella.

Seconda opzione

(Solo per coloro che hanno l’app da meno di 30 giorni) – Dopo aver accettato i Termini di servizio e le Norme sulla privacy aggiornate, hai ulteriori 30 giorni per prendere questa decisione. In WhatsApp, vai su Impostazioni > Account > Condividi le informazioni del mio account. Se non vuoi condividere le informazioni del tuo account con Facebook, puoi deselezionare la casella.

Facebook chiarisce che se si decide per una di queste due opzioni, utilizzerà queste informazioni per altri scopi. “Ciò include il contributo al miglioramento dell’infrastruttura e dei sistemi di consegna, la comprensione di come i nostri Servizi vengono utilizzati o meno, proteggono i sistemi e combattono le attività illecite, gli abusi o i messaggi non richiesti“, fa sapere.