WhatsApp ha dichiarato che intende annullare il supporto per i seguenti sistemi operativi: Blackberry, Blackberry 10 e Windows Phone 8.0 o precedenti. Avverrà entro la fine del 2017. Ciò implica che alcune funzioni dell’app di messaggistica di proprietà di Facebook potrebbero non funzionare più.

Tuttavia, WhatsApp non consentirà di creare nuovi account o di autenticare nuovamente quelli esistenti. Nei restanti casi potete ancora farne uso. L’app continuerà a funzionare su Android con versione 2.3.7 e precedenti fino al 1 ° febbraio del 2020. Mentre su Nokia S40 fino al 31 dicembre del 2018. L’estensione del supporto per Android 2.3.7 Gingerbread, o per le versioni precedenti dell’OS di Google, protratta per qualche anno, è stata annunciata a giugno dell’anno corrente.

Tale tattica dovrebbe portare gli utenti ad utilizzare una nuova versione del sistema operativo, come nel caso di Android 4.0, iOS 7, Windows Phone 8.1 e le rispettive versioni successive. Infatti, la piattaforma di messaggistica istantanea intende espandere ulteriormente le sue funzionalità. Dunque, sono necessari sistemi operativi che possano supportarle.

Leggi anche:  WhatsApp ci fa guadagnare soldi: la nuova funzione farà felici tutti gli utenti

Nelle pagine di WhatsApp delle domande poste più frequentemente (FAQ) riguardo i sistemi operativi, come quelli prima menzionati, viene esplicitato che essi non soddisfano gli standard richiesti per lo sviluppo futuro dell’applicazione. Nel febbraio dello scorso anno, ad esempio, è stata annunciata la fine del supporto per i sistemi operativi come Nokia Symbian S60, Windows Phone 7.1, Android 2.1 Eclair e Android 2.2 Froyo.

È necessario terminare il supporto per i sistemi ormai obsoleti per WhatsApp.

Tra le recenti modifiche dell’app c’è ad esempio la funzionalità Live Location, progettata per consentire agli utenti di condividere la propria posizione in tempo reale con i propri contatti. Lo scorso ottobre, inoltre, è stata implementata la possibilità di eliminare i messaggi per tutti, dalla conversazione del destinatario oltre che da quella del mittente. Questo settembre, la società ha annunciato che ci saranno ancora tante altre funzioni che sono già in fase progettuale.