Nel mese di ottobre Google ha dichiarato che sarà disponibile e quindi installabile la versione aggiornata (2.6) per tutti gli smartwatch compatibili (ovvero quelli già aggiornati alla versione 2.0) attraverso il Play Store dello stesso dispositivo. Sono presenti ingenti e corpose novità in questo changelog rispetto a quanto avevamo visto nei precedenti aggiornamenti, poiché, come sta accadendo specialmente nell’ultimo periodo, si vuole definire una chiara supremazia dei sistemi operativi Android rispetto ai competitors presenti nel settore, cercando di migliorare tutto ciò che può allontanare il cliente da questo OS.

Android Wear 2.6, una serie di novità

Vediamo quindi nel dettaglio le migliorie apportate e le varie funzionalità aggiuntive che comportano un incremento della qualità di utilizzo:

  • Per quanto riguarda la messaggistica istantanea sarà disponibile una riga aggiuntiva all’interno del testo delle notifiche che si proporziona alla lunghezza dei messaggi per mettere all’utilizzatore una maggiore leggibilità della notifica senza dover per forza sbloccare il dispositivo per completare la lettura del messaggio ricevuto. Se il messaggio è molto lungo non sarà possibile leggerlo integralmente ma verrà ridimensionato il carattere permettendoci la lettura di una riga in più rispetto al normale, viceversa nel caso di un messaggio corto, il font sarà di dimensioni maggiori per permettere una lettura facilitata del testo.
  • Un maggiore ed intuitivo miglioramento è stato apportato nell’immediatezza della visualizzazione delle connessioni attive sullo smartwatch attraverso una semplice “gesture”: basterà ora scorrere in basso con il dito per arrivare alle impostazioni rapide e monitorare o modificare le connessioni in entrata e uscita del dispositivo andando ad interferire direttamente con Wi-Fi, Bluetooth e reti mobile.
  • Sono state introdotte le notifiche che tengono traccia dell’avanzamento dei download, permettendo cosi una più rapida visualizzazione di ciò che è già stato scaricato e di ciò che è ancora in fase di trasferimento sul dispositivo.
  • Avviare l’ultima applicazione utilizzata direttamente dal quadrante senza dover andare a riaprirla tra quelle presenti sullo smartwatch. Tutto questo è reso possibile grazie all’introduzione, nella sezione “Generali” delle impostazioni sullo schermo, della raccolta “App recenti”. Se si decide di spuntare l’opzione, sarà visualizzabile sul watchface, velocizzando il processo di riapertura delle App.
  • Introduzione di un miglior riconoscimento dei cosiddetti gesti involontari. Chiaro è che la posizione in cui si indossa l’orologio smart è soggetta a tocchi e sfioramenti accidentali nell’uso quotidiano, soprattutto per quanto riguarda lo scorrimento laterale e la pressione prolungata: è proprio su queste ultime due azioni che Android ha focalizzato l’attenzione migliorandone l’esperienza d’uso.
Leggi anche:  Android Wear: arriva ufficialmente Android 8.0 Oreo, le novità

Android Wear 2.6 è già fruibile al download sulla raccolta del Play Store (salvo device compatibile), ma se ancora non fosse disponibile sul vostro dispositivo è possibile procedere con l’installazione diretta dell’APK presente nel seguente link.