Seagate
In arrivò nel 2017 l’SSD più potente al mondo

Samsung ha dovuto gioire per poco. La scorsa settimana, infatti, aveva annunciato di aver creato il più grande disco rigido – SSD – al mondo, con una capacità di 60 terabyte (15 mila giga, per intendersi) e che, una volta distrubuito al pubblico, potrebbe avere un prezzo di circa 10 mila dollari.

Questa settimana Seagate, l’azienda specializzata nella memorizzazione digitale, ha stupito tutti ed ha presentato una SSD con capacità quadrupla.

Industria di settore e consumatori hanno scatenato la mania per questo tipo di sistemi di storage, è innegabile. Anziché utilizzare dischi magnetici impilati gli uni sugli altri, utilizzare i chip il cui funzionamento è sostanzialmente uguale a quella di unità flash USB è stata la nuova sfida richiesta alle aziende.

I suoi principali vantaggi sono essenzialmente due. Per prima cosa, consumano pochissima energia e, non da ultimo, l’accesso ai dati è molto più veloce. Due caratteristiche ideali per i dispositivi portatili, che hanno bisogno per massimizzare la durata della batteria e avviare i loro sistemi operativi il più rapidamente possibile.

Il nuovo sistema di storage presentato da Seagate si adatta al formato standard di 3,5 pollici. Con queste dimensioni e questa capacità, è possibile memorizzare l’equivalente di 400 milioni di foto o 12 mila filmati ad alta risoluzione.

Per dimostrare il suo potere e la sua potenza contro Samsung, il produttore avverte anche che nella sua forma attuale può raggiungere senza soluzione di continuità fino a 100 terabyte. Questo mostro, si avverte, non sarà in vendita fino al 2017. Quindi, per il momento almeno, la società coreana può vantare di avere il più grande mercato SSD finora disponibile. Ma il nuovo anno si può dire ormai alle porte e occorre mettere in atto nuove strategie per sfidare la concorrenza. Che, come si è visto, è molto agguerrita.