Zenfone
Zoom e Selfie sono due smartphone ASUS ottimizzati per lo scatto delle foto. Zoom dispone di un ingrandimento ottico 3x.

ASUS procede nella sua opera di aggiornare la maggior parte degli smartphone ZenFone ad Android 6.0 Marshmallow. Adesso è il turno di Zoom e Selfie, due dispositivi volti all’efficienza nella produzione fotografica, che insieme al nuovo firmware vedranno modernizzare anche il loro sistema operativo.

Android 6.0 Marshmallow su ASUS ZenFone

Mentre l’attesa per Android 7.0 Nougat si fa sempre più fervida in seguito all’annuncio del nome appena avvenuto, ASUS si sta ancora dedicando a difendere i suoi prodotti ZenFone dal crollo nell’abisso dei prodotti obsoleti. È stato dichiarato dall’azienda di Taipei che numerosi dei suoi modelli sarebbero stati aggiornati ad Android 6.0 Marshmallow entro il termine della prima metà dell’anno. Eppure, anche ora che siamo a luglio riceviamo notizia che altri smartphone potranno godere dell’aggiornamento del sistema operativo.

Zenfone
Selfie dispone di una fotocamera frontale da 13 MP, oltre a diverse opzioni di fotoritocco. Di certo un gioiellino per chi adora i selfie.

Dopo Max e diverse varianti di Laser 2, spetta ora a Zoom e Selfie l’update alla versione 6.0 di Android. I due telefoni sono conosciuti per le loro peculiari specifiche che, come intuibile dal nome, offrono un’alta qualità nello scatto delle foto. Zoom è dotato di una fotocamera posteriore a 13 MP con ingrandimento ottico 3x, mentre la sua controparte Selfie dispone di una fotocamera frontale di ben 13 MP per poter realizzare selfie a notevole risoluzione.

Leggi anche:  Asus presenta la gamma dei nuovi Zenfone 4 in Italia, anteprima e approfondimento

La profonda lacuna dei due cellulari di non poter usufruire delle potenzialità della più recente versione di Android è stata ora colmata. Tutti gli utenti infatti monteranno sui loro dispositivi Android 6.0 dopo aver eseguito l’ultimo update del firmware. Insieme all’aggiornamento verranno rimosse alcune app di proprietà ASUS e saranno invece inserite in memoria Google Calendar, Google Messenger, Facebook, Facebook Messenger ed Instagram.